SHALOM
mensile ebraico d'informazione e cultura
www.Shalom.it

Israele, un modello da imitare PDF Print E-mail
Written by NICOLA ZINGARETTI   
Wednesday, 13 June 2012
Su iniziativa della Provincia di Roma, il 4 e 5 luglio si terranno le “Giornate della creatività e dell’innovazione”, con lo Stato ebraico ospite d’onore

Il nostro Paese ha bisogno di cambiare passo sull’innovazione. E, per farlo, deve guardare ai modelli migliori. I modelli nei quali impresa, università, istituzioni, sistema finanziario, corpi sociali sono impegnati verso un obiettivo comune: quello di costruire un’economia della conoscenza. Una sfida che deve fondarsi su un innalzamento della qualità dei prodotti, una maggiore competitività del sistema, uno sforzo interdisciplinare dei diversi attori della conoscenza e dell’impresa. Questo è quello che ci ha guidato nella costruzione dei programmi per la creatività e l’innovazione che abbiamo avviato a partire dal 2009.

Attraverso di essi abbiamo sostenuto la nascita di nuova impresa; la promozione di programmi che portassero i valori della creatività e dell’innovazione nei diversi mondi della nostra provincia; la costruzione di legami produttivi tra ricercatori e mondo dell’impresa. È questo, qui ed ora, il nostro contributo al cambiamento che l’economia globalizzata sta imponendo alle diverse economie. Un’azione fatta di analisi, di confronto con gli esperti del settore, di progetti concreti, di trasparenza amministrativa.

Ed in questo cammino sono felice di aver incontrato l’esperienza di Israele. Un’esperienza che si è avviata la prima volta in occasione di un viaggio di conoscenza di alcune esperienze di eccellenza a Tel Aviv e a Gerusalemme, e che ora trova una sua più compiuta attenzione nel programma InnovactionLab che vedrà la sua fase conclusiva il giorno 4 luglio al teatro India. I ragazzi impegnati in questo progetto – dedicato a promuovere l’innovazione nelle università romane – vinceranno per il secondo anno consecutivo un viaggio premio in Israele. Un viaggio nel corso del quale incontreranno imprenditori, professori universitari, venture capitalist, esperti del trasferimento tecnologico, che spiegheranno ai nostri giovani come funziona il ‘modello Israele’. Un esempio per il mondo di come possa costruirsi un ecosistema dell’innovazione efficiente e capace di competere, in pochi anni, con il meglio del mondo. Un viaggio destinato a lasciare i nostri ragazzi con occhi attenti e la voglia di replicare quello che hanno visto qui da noi. Per questo le giornate della creatività e dell’innovazione che stiamo organizzando per il 4 e 5 Luglio al teatro India a Roma vedranno un’attenzione particolare sul caso Israele. L’occasione sarà la presentazione del volume Laboratorio Israele, che si terrà il giorno 4 e che grazie alla collaborazione con l’ambasciata di Israele – e grazie all’impegno personale dell’ambasciatore – vedrà l’arrivo a Roma di professori, operatori economici, imprenditori, che ci racconteranno la loro esperienza e discuteranno con noi le possibilità per replicarla. Oltre a questo, il professore Shlomo Maital, eminenza del Technion sulle materie imprenditoriali, terrà una lezione sulle ragioni alla base del successo del modello israeliano di innovazione. Penso sia un’occasione di grande interesse. In un Mediterraneo in cambiamento, approfondire il dialogo su questi temi tra Israele e Roma, tra Israele e l’Italia, può avere un solo significato: quello di contribuire a sviluppare un vero e proprio “Sistema Mediterraneo” capace di competere e di stare sui mercati con i suoi prodotti e le sue innovazioni di servizio e di sostenere la crescita di una società integrata, costruita sui valori, propri del mondo delle tecnologie odierne, dell’integrazione, della trasparenza, dell’etica. Un’occasione, insomma, da non mancare.

NICOLA ZINGARETTI

PRESIDENTE PROVINCIA DI ROMA

 
< Prev   Next >