SHALOM
mensile ebraico d'informazione e cultura
www.Shalom.it

Ed inoltre ...
IN COPERTINA
Quel giorno che ha cambiato la mia vita Quel giorno che ha cambiato la mia vita
Shalom ha intervistato Lello Di Segni, che insieme a Enzo Camerino, è l’ultimo dei sopravvissuti alla deportazione del 16 ottobre 1943

IN COPERTINA
Da Regina Coeli ad Auschwitz: deportato per colpa di due francobolli Da Regina Coeli ad Auschwitz: deportato per colpa di due francobolli
La storia e la testimonianza di Alberto Mieli: “per sopravvivere mangiavamo anche i topi”.
di Giorgia Calò


Focus
Israele si sente sola Israele si sente sola
Assemblea Generale dell’ONU: Rohani, Obama e Netanyahu, tre modi diversi di vedere i problemi.
di Fiamma Nirenstein


Mondo
Dalla Somalia a Bruxelles, via Nairobi Dalla Somalia a Bruxelles, via Nairobi
Il terrorismo islamico non conosce confini.
di Piero Di Nepi


Italia
Pacifisti assenti senza se e senza ma Pacifisti assenti senza se e senza ma
L’assordante silenzio sulla terribile guerra civile in Siria è la dimostrazione che la pace non interessa a nessuno. Quello che conta è essere sempre pronti a parlare di complotti e ad accusare lo Stato di Israele.
di Stefano Gatti


In questo numero ...
IN COPERTINA
16 ottobre 1943: gli ebrei nella Roma “Cittą aperta”
Tra le delazioni dei fascisti e l’indecifrabile figura di Pacelli.
di Donatella Di Cesare
 
IN COPERTINA
Raccontare la Shoą: da tabł a scelta condivisa
Come rendere viva la memoria è la sfida per le generazioni che verranno.
di Daniele Toscano
 
Medio Oriente
Le certezze e le incertezze di un mondo ostile ad Israele
Mai come in questo momento storico è fondamentale essere solidali e sostenere lo Stato ebraico.
di Ugo Volli
 
Mondo
Quando il mondo finge di non vedere per non agire
L’utopia pacifista non ha impedito la Seconda Guerra Mondiale e la Shoà. Oggi rafforza i moderni dittatori e i regimi che vogliono le armi di distruzione di massa.
di Angelo Pezzana
 
Italia
Chi ci pensa ai militari italiani di Unifil?
Il ‘no’ dell’Italia al raid americano in Siria per paura di coinvolgere le nostre truppe stanziate in Libano.
di Daniel Mosseri