Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    A gennaio una pietra d’inciampo per Elena Di Porto. “La matta di Piazza Giudia” presentato a Più Libri Più Liberi

    Anche quest’anno Più Libri Più Liberi, la fiera della piccola e media editoria della Capitale, ha riscosso molto successo. Tra gli stand presenti alla fiera tanti i testi di narrativa ebraica e israeliana e come ogni anno la casa editrice ebraica Giuntina. Ma non solo, chiudere la fiera domenica c’è stata nella sala Polaris della Nuvola la presentazione del libro “La matta di piazza Giudia” (Giuntina); il racconto, scritto dallo storico e archivista Gaetano Petraglia, che ha riportato alla luce l’eroina ribelle e antifascista Elena Di Porto.

     

    Una vita travagliata quella di Elena vissuta sempre senza mai tirarsi indietro davanti alle ingiustizie. “La storia di questa donna è una storia di grande valore per la Comunità Ebraica di Roma, ma è una storia che ha un valore importante anche per l’antifascismo romano” ha detto Marco Di Porto relatore del Panel dedicato al libro. “Elena porta con sé due grandi emancipazioni: quella degli ebrei romani e quella delle donne” ha invece spiegato nel corso del suo intervento il Direttore del DIBAC Claudio Procaccia. Tra i presenti molti famigliari della protagonista del libro. “Abbiamo fatto tanti sacrifici per arrivare oggi qui. Siamo riusciti pian piano a far uscire la storia di questo personaggio. Sono ormai 12 anni che ci impegniamo nella memoria di questa donna che per troppo tempo era finita nel dimenticatoio. Un grazie va a tutti coloro che si sono prodigati per lavorare a questo libro” ha detto a Shalom Marco Di Porto uno dei nipoti di Elena. “Il 9 gennaio verrà anche messa una pietra d’inciampo per Elena e per questo vogliamo ringraziare anche il Comune” ha aggiunto Cesare Di Porto, altro nipote della protagonista del libro.

     

    Così anche quest’anno Più libri più liberi, si è concluso riaffermandosi come l’evento culturale più importante di Roma. Mettendo assegno un altro successo e dando appuntamento al prossimo anno dal 6 al 10 dicembre. Con oltre cento mila presenze Più libri più liberi si avvia verso il record assoluto.

    CONDIVIDI SU: