Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    A Ofakim un murale dedicato a chi ha difeso il kibbutz

    Un padre che protegge la figlia dai razzi con un rotolo della Torah. Questo è ciò che è rappresentato su un murale realizzato accanto alla sinagoga del kibbutz di Ofakim dai ragazzi del programma “Youth at Risk” (‘Gioventù a rischio’) del Keren Kayemeth Leisrael – KKL. 

    Lo scorso 7 ottobre il kibbutz è stato colpito dall’assalto di Hamas costato la vita a 52 residenti. I ragazzi, tra i 14 e i 18 anni, con questa opera hanno voluto rendere omaggio alle persone che hanno avuto il coraggio di difendere la comunità in quel terribile giorno.

    Il programma del KKL è rivolto ai giovani disagiati e ha lo scopo di reintegrarli attraverso diversi percorsi. I ragazzi ricevono un’istruzione sionista, tutoring personale, formazione professionale, competenze e incoraggiamento per intraprendere il servizio nell’IDF e per il servizio nazionale.

    Questa iniziativa rientra nel piano globale del KKL per aiutare i residenti sfollati nelle regioni meridionali. Tra le varie misure, il piano prevede il sostegno a famiglie sfollate attraverso attività di svago e la destinazione di risorse specifiche per persone con disabilità, dimostrando così un impegno nel fornire un aiuto completo e inclusivo a tutte le persone coinvolte.

    “Nel mezzo della profonda oscurità che è caduta su di noi il 7 ottobre – ha detto Shimon Abuhatzira, direttore del dipartimento “Youth at Risk” – fanno luce numerose storie di eroismo, in particolare tra i coraggiosi residenti di Ofakim. Il KKL è impegnato ad assistere nel recupero delle comunità sfollate e saremo al fianco dei residenti di Ofakim in ogni fase del percorso”.

    CONDIVIDI SU: