Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Cultura

    Cento per cento inferno: le foto di Ziv Koren in mostra a Torino

    ‘Cento per cento inferno’ è il titolo della mostra con le fotografie di Ziv Koren e la raccolta di video della Galleria del Kibbutz Be’eri, curata da Ermanno Tedeschi, che sarà inaugurata mercoledì 14 febbraio a Torino presso l’Associazione Camis De Fonseca.
    L’esposizione di Ziv Koren è l’ultimo progetto dell’artista che ritrae la terribile giornata del 7 ottobre 2023. Le trenta fotografie in mostra documentano i luoghi del massacro, l’orrore, le atrocità e il loro impatto sulla società e nella vita quotidiana d’Israele. Insieme alla mostra fotografica, dopo il successo al MAXXI di Roma e alla Fondazione delle Stelline di Milano, sarà presentato il video ‘Novantacinque per cento paradiso, cinque per cento inferno’, che racconta la vita al confine, attraverso la lente di 4 opere video di Orit Ishay, Shimon Pinto, Tamar Nissim e Tzion Abraham Hazan. Questi lavori sono stati girati nel Kibbutz Be’eri, tra i luoghi maggiormente colpiti dal massacro, e presentati negli anni passati nella programmazione dell’omonima galleria d’arte contemporanea, di cui oggi non resta che cenere.
    Ogni immagine di Ziv Koren lascia attoniti e sgomenti, ogni scatto riporta il cuore a situazioni giustamente definite infernali. Impossibile rimanere indifferenti osservando il funerale dei cinque membri della famiglia Kurtz massacrati a Kfar Aza. Si prova un profondo dolore di fronte alla fotografia scattata all’ospedale di Tel Hashomer della piccola Yael Golan di un anno e mezzo con il 30% del corpo ustionato dal fuoco dei terroristi. I volti dei rapiti, catturati e ancora nelle mani di Hamas, accanto a chi manifesta per la loro liberazione, rimangono impressi indelebilmente negli occhi, i soldati nei kibbutzim martoriati invitano a soffermarsi in silenzio.

    Ziv Koren è fotoreporter professionista da oltre 25 anni: ha iniziato la sua carriera come fotografo nell’esercito israeliano, lavora per il quotidiano “Israel Hayom” e rappresenta l’agenzia fotografica “Polaris Images” in Israele. I documentari-progetti realizzati da Koren si concentrano principalmente su questioni umanitarie in Israele e nel mondo; per l’IDF ha documentato con un reportage di grande impatto emotivo il ritiro dalla Striscia di Gaza, le operazioni militari “Piombo Fuso”, “Colonna di Nuvola”, “Margine Protettivo”. Nel 1995 Koren ha scattato una fotografia di un autobus israeliano che è stata selezionata nel 2000 dal World Press Photo come una delle duecento immagini più importanti degli ultimi 45 anni.
    La povertà, lo tsunami nel sud-est asiatico, il terremoto ad Haiti, l’AIDS in Sudafrica sono tra i soggetti delle fotografie pluripremiate che hanno contribuito a numerose mostre personali e collettive. Le fotografie di Koren sono state pubblicate sui media internazionali tra cui Time Magazine, Newsweek, The Sunday Times Magazine, Stern, Der Spiegel, Paris Match ed esposte al Metropolitan Museum di Tokyo, al Memorial Museum in Spagna, al War Museum in Croazia, nell’ambito del progetto “War/Photography: Images of Armed Conflict and Its Aftermath”.
    Maya Katzir, attaché culturale dell’Ambasciata d’Israele a Roma e curatrice dello screening, ha così spiegato l’iniziativa: “Il 7 ottobre è una ferita che ha segnato tutti gli israeliani, dentro e fuori dallo Stato, che ha generato depressione profonda alla quale stiamo cercando di reagire. Anche con l’arte, noi vogliamo diffondere un po’ di speranza. Vogliamo parlare contro chi voleva farci tacere. La cultura israeliana non si ferma”.

    Credit foto Ziv Koren

    CONDIVIDI SU: