Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La New York Public Library celebra il suo 125° anniversario con un’esposizione unica

    Nel cuore di Manhattan, d’ora in poi si potrà ammirare la storia di Pesach in una haggadah italiana di mezzo millennio fa, godere della bellezza di una meghillà antica, o sfogliare una delle prime copie del quotidiano Yiddish “Forverts”. Inaugurata solo due anni dopo la stessa New York Public Library, la Dorot Jewish Division della New York Public Library celebra quest’anno il suo 125° anniversario con un’esposizione davvero incredibile. Oggi la collezione, ospitata nell’edificio principale della biblioteca sulla Fifth Avenue, vanta oltre 250.000 materiali provenienti da tutto il mondo, con i primi risalenti al 13 ° secolo. A riportare la notizia Jewish Telegraphic Agency.

     

    “Le persone non si rendono conto della quantità di profondità che abbiamo in questa collezione cronologicamente e geograficamente. La cosa meravigliosa è che è in continua crescita “, ha detto Lyudmila Sholokhova, la curatrice della collezione. “Penso che siamo stati troppo modesti su ciò che abbiamo qui. Questa biblioteca è davvero unica”. La storia della Dorot Jewish Division risale al novembre 1897, quando il banchiere e filantropo Jacob Schiff donò $ 10.000 alla New York Public Library per l’acquisto di “letteratura semitica” e per l’assunzione di un curatore di una divisione ebraica nella biblioteca. Schiff finì per donare $ 115.000 (quasi $ 4 milioni oggi) nel corso della sua vita. La posizione di capo bibliotecario andò al bibliografo e storico Abraham Solomon Freidus, che emigrò a New York dalla Lettonia nel 1889. Sotto la sua supervisione, la nuova Divisione Ebraica divenne un importante centro di ricerca e di riferimento per gli studiosi ebrei di tutto il mondo. Una sala di lettura dedicata alla divisione ebraica, dove gli studiosi hanno studiato di tutto, è rimasta in uso attivo presso la biblioteca dal 1911.

     

    Sholokhova è arrivata alla NYPL nel 2020 dopo 16 anni di lavoro come bibliotecaria presso l’Istituto YIVO per la ricerca ebraica. Parte della sua missione è mostrare la collezione al pubblico e contribuire a far conoscere le vaste risorse della biblioteca. Durante la maggior parte della sua storia, la divisione ebraica di Dorot è stata utilizzata come sito di riferimento mentre gli studiosi lavoravano su enciclopedie e ricerche. Oggi, la sala di lettura continua ad essere aperta al pubblico – e c’è anche un ampio catalogo digitale disponibile sul sito web della biblioteca. Tutto ciò che i newyorkesi devono fare è richiedere gli articoli che vogliono vedere con qualche giorno di anticipo. Sebbene la divisione abbia ereditato alcune piccole collezioni e biblioteche private, molti dei suoi oggetti sono stati acquistati o donati nel tempo. L’esposizione di questi 10 tesori della collezione nasce proprio dalla voglia di celebrare i 125 anni con il pubblico che d’ora in poi potrà godere delle bellezze della collezione. Ecco alcuni esempi dei pezzi esposti:

    1. La Dorot Jewish Division vanta un’impressionante collezione di haggadot di Pesach, i libri tradizionali utilizzati durante le cene di Pasqua. La collezione comprende la Haggadah di Venezia con traduzione ebraico-italiana, stampata nel 1609, e la Haggadah di Amsterdam stampata nel 1695. Entrambi questi volumi sono le prime edizioni di quella che divenne una struttura standard per una haggadah. Infatti, fu proprio l’Haggadah di Venezia ad aver influenzato la tradizione mediterranea e la Haggadah di Amsterdam ha influenzato la tradizione dell’Europa centrale.

    2. La primissima edizione domenicale dei Forverts. Forverts (o “Forward” in inglese), il quotidiano yiddish che ha circolato a New York per tutto il 20 ° secolo: si tratta di una delle pubblicazioni più significative nella storia ebraica americana – al suo apice è stato il quotidiano più diffuso a New York. Il giornale iniziò ad essere pubblicato  nell’aprile del 1897 e le copie cartacee dei suoi primi mesi sono davvero rare da trovare. 

    3. La prima immagine del continente nordamericano in un libro ebraico: pubblicato a Venezia nel 1707, “Ma’aseh Toviyah” (Opera di Tobias) è un’enciclopedia della scienza e della medicina scritta in ebraico, con sezioni di teologia, astronomia, medicina e geografia. Scritto da Toviyah Katz, noto anche come Tobias Cohn, il libro contiene la prima immagine conosciuta del continente americano in un libro ebraico.

    4. Una Meghillat Ester del 18 °secolo: si ritiene che un rotolo illustrato di Meghillat Ester, che riporta al suo contenuto la storia della festività ebraica di Purim, provenga dall’Europa orientale ed è datato fine del 18 ° secolo. Il rotolo è significativo perché è un manoscritto miniato, con immagini disegnate a mano tratte  da scene del Libro di Ester che circondano il testo.

    CONDIVIDI SU: