Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La scatola nera di Amos Oz: La storia di un amore distruttivo

    Il rapporto tra Alec e Ilana è appeso ad un filo, un divorzio tragico e complesso li ha condotti a non rivolgersi più la parola da ormai sette lunghi anni. Un allontanamento logorante, i sentimenti in gioco devastanti. Alec vive ormai in America, dove è diventato famoso per i suoi studi sul fanatismo religioso, mentre Ilana, ancora in Israele, ha sposato un altro uomo, un ortodosso, da cui ha anche avuto una figlia. Una vita completamente diversa da quella precedente per entrambi.

     Ma c’è qualcosa che è rimasto in sospeso tra i due, che pur non volendo li legherà per sempre. Un figlio in comune: Boaz. Disconosciuto dal padre come offesa alla madre, un ragazzo irruento e violento, specchio di una relazione altrettanto distruttiva. Boaz ha un carattere difficile da arginare e rischia di annientare sé stesso e chi gravita intorno a lui. Per questo, dopo esser stato cacciato dall’ennesima scuola, vive senza regole, allo stato brado come un selvaggio vittima dei suoi istinti.

    Ilana non ha scelta, deve ingoiare il boccone amaro del risentimento e contattare il suo ex marito Alec, per convincerlo ad unire le forze e salvare Boaz dal caos che sta lasciando dietro sé. Da qui prenderà vita uno scambio epistolare, che li condurrà lontano nei meandri più oscuri del loro passato. Tante parole taciute negli anni, troppa rabbia, e segreti pronti ad esplodere, verranno fuori involontariamente dalla scatola nera della loro relazione. Attraverso questo romanzo Amos Oz riesce a raccontare una storia personale e al contempo descrivere i mille volti della società israeliana, mostrando al lettore la fragilità dei sentimenti umani. Un romanzo violentemente profondo.

    CONDIVIDI SU: