Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Essonnes, sud di Parigi: aggressione antisemita ai danni di un undicenne ebreo

    “Sporco
    ebreo, ti soffocheremo con il gas come fecero con gli ebrei”. Sono le parole
    intimate da due quattordicenni che ad Essonnes, sud di Parigi, hanno aggredito
    verbalmente e fisicamente un ragazzo ebreo di undici anni dopo l’uscita da
    scuola.

    Secondo
    un resoconto del tribunale, la vittima stava tornando a casa quando i due
    individui gli si sono avvicinati chiedendogli se fosse ebreo. Dopo la conferma,
    è scattato l’attacco in cui i colpevoli hanno tentato di soffocarlo – come
    “nelle camere a gas” – mettendogli le mani sulla bocca per poi costringerlo ad
    arrendersi. Una volta sbattuto a terra, i due hanno completato il tutto
    riproducendo i saluti nazisti.

    L’aggressione,
    avvenuta a settembre e rivelata ora dal quotidiano Le Parisien, si è ripetuta
    per una settimana prima che la giovane vittima riferisse tutto ai genitori, che
    hanno poi provveduto a formulare la denuncia.

    I
    due quattordicenni, finora incensurati, sono adesso accusati di reati legati
    alla violenza antisemita. Da quanto emerge, durante l’interrogatorio uno di
    loro ha negato di sapere cosa fosse un saluto nazista, mentre l’altro ha
    ammesso di aver compreso il gesto. Uno dei loro avvocati ha suggerito che la
    coppia fosse stata influenzata da un videogioco violento.

     

    CONDIVIDI SU: