Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Germania, vandalizzato il memoriale che commemora i Kindertransport

    La famosa scultura in bronzo
    “Trains to Life – Trains to Death” di Frank Meisler, creata a Berlino
    in memoria dei 10.000 bambini sopravvissuti alla Shoah grazie ai
    Kindertransport e di quelli uccisi dai nazisti, è stata vandalizzata con dei
    graffiti. Gli autori del gesto hanno deturpato le statue raffiguranti i
    bambini, coprendo loro gli occhi in modo grottesco e degradando le sculture.
    Tra i graffiti, anche un’incisione che ricorda una moschea sul petto di un
    bambino e su una delle valigie.
    La polizia sta indagando
    sull’accaduto, che si ritiene sia stato compiuto da coloro che erano coinvolti
    in una manifestazione pro palestinese organizzata alla vigilia di Capodanno
    proprio vicino al monumento. Nonostante le manifestazioni anti-israeliane fossero
    state vietate dalle autorità tedesche durante il periodo festivo, i
    manifestanti si sono radunati illegalmente.
    Revital Yakhin Krakowski,
    vicedirettore generale dell’International March of the Living ha commentato
    l’episodio antisemita. “Il monumento non è stato vandalizzato per caso, è stato
    un atto volto a indebolire lo spirito ebraico, danneggiando i simboli più
    importanti per noi” ha affermato al Canale 12 israeliano. “Esiste un chiaro
    collegamento tra la negazione della Shoah e la negazione degli atti di
    terrorismo del 7 ottobre” ha aggiunto.
    “In quanto organizzazione
    nazionale che rappresenta e si prende cura dei sopravvissuti e dei rifugiati
    della Shoah, siamo disgustati dal fatto che questo monumento toccante e caro,
    sia stato profanato” ha affermato in una nota l’Associazione dei rifugiati
    ebrei (AJR).
    Karen Pollock, amministratore
    delegato dell’Holocaust Educational Trust, ha sottolineato: “Attualmente stiamo
    assistendo all’abuso e alla distorsione della Shoah”.
     

    CONDIVIDI SU: