Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    In Ucraina torna il campo estivo ebraico dopo un anno di stop

    Ramah Yachad, il campo estivo ebraico ucraino, ha celebrato il suo 30° anniversario l’anno scorso durante la guerra. Per un periodo la colonia è stata trasferita in Romania a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, ma quest’anno il campo è finalmente tornato nella sua sede di lunga data. 

    Situato nella regione di Chernivtsi, nell’Ucraina occidentale, il ritorno alla normalità del campo estivo è un atto che gli organizzatori della colonia per ragazzi hanno definito pragmatico e simbolico. “All’inizio della guerra, avevamo tanta paura di fare il campo anche nelle aree sicure dell’Ucraina”, ha detto alla Jewish Telegraphic Agency Irina Gritsevskaya, direttrice del campo . “Ma quest’anno abbiamo deciso di tornare perché molti ragazzi non potevano uscire dall’Ucraina non avendo il passaporto. Quest’anno è tutto ancora più speciale perché siamo di nuovo qui in Ucraina con i bambini. Abbiamo molte sfide da affrontare, perché ci sono ancora molti allarmi dovuti alle incursioni aeree, ma a parte questo, cerchiamo di rendere questo periodo divertente per i bambini. È importante che loro sappiano che c’è ancora gioia nella vita” ha aggiunto Gritsevskaya.

    Le giornate dei ragazzi al campo estivo iniziano con un “boker tov” (“buongiorno” in ebraico) insieme a canti e balli, seguiti dalle preghiere del mattino, poi “peulah” (attività di apprendimento) e “chugim” (attività ricreative come arte, sport, corsi di cucina e danza).

    Gli ultimi 18 mesi hanno sconvolto ogni aspetto della vita dei bambini ucraini. Insieme alla perdita di persone care, alla violenza e al terrore della guerra, molti hanno vissuto la devastazione economica. La percentuale di bambini che vivono in povertà è quasi raddoppiata, passando dal 43% all’82%, molti dei quali tra i 5,9 milioni di sfollati in Ucraina, secondo l’UNICEF. I bombardamenti e gli attacchi aerei hanno interrotto il loro accesso all’elettricità, all’acqua e ai servizi sanitari di base. Anche la loro istruzione ne ha risentito, sommando due anni di scolarizzazione interrotti dalla pandemia di COVID-19 e oltre otto anni di turbolenze per i bambini nell’Ucraina orientale. L’UNICEF ha infatti stimato che quasi 1,5 milioni di bambini in Ucraina sono a rischio di depressione, ansia, disturbo da stress post-traumatico e altri problemi psicologici. “La guerra mi ha cambiata drasticamente”, ha detto Hannah Prizcher, una quindicenne membro del campo estivo Ramah Yachad di Kiev. “Ho iniziato a temere i rumori forti. Tuttavia, nel bel mezzo della guerra ho deciso di pregare ogni mattina e di accendere le candele dello Shabbat sempre. Mi piace stare qui, adoro le danze a Ramah Yachad, le attività e il ‘laila tov’ che conclude la mia giornata con gli amici” ha concluso Hannah Prizcher.

    Come altri campi della rete di Ramah Yachad c’è un importante sforzo, da parte degli educatori, di mostrare ai bambini che fanno parte di una comunità ebraica globale.  Molte delle attività sono progettate per promuovere una connessione e l’identificazione con Israele, comprese le lezioni sulla lingua ebraica, la società israeliana e l’esercito israeliano, alcune tenute dal personale israeliano stesso. “È molto importante per me che i bambini ricordino che siamo una famiglia ebraica e non li lasceremo mai soli”, ha detto Gritsevskaya. “È importante che abbiano questa gioiosa esperienza ebraica nel celebrare ogni sabato lo Shabbat e nel pregare ogni giorno. Il nostro augurio è che possano portare con loro questi ricordi durante tutto l’anno per tenerli al sicuro”.

    CONDIVIDI SU: