Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Notte dei Cristalli: la storia della sopravvissuta alla Shoah Charlotte Knobloch raccontata attraverso la realtà virtuale

    “In tutta la mia vita non sono mai riuscita a togliermi
    quelle immagini dalla mente” racconta all’Associated Press la sopravvissuta
    alla Shoah Charlotte Knobloch, nell’85esimo anniversario della “Notte dei
    Cristalli” – la notte delle vetrine infrante.

    Aveva solo 6 anni quando vide le sinagoghe di Monaco
    bruciare e i nazisti portare via un caro amico del padre, picchiato
    violentemente durante il terribile pogrom antiebraico avvenuto fra il 9 e il 10
    novembre 1938, che di fatto sancì l’inizio della Shoah.

    Ora ha 91 anni, vive a Monaco ed è Presidente della Comunità
    ebraica bavarese. Il suo impegno, soprattutto nei confronti delle generazioni
    future, è quello di tenere viva la memoria delle atrocità compiute dai nazisti
    nei confronti degli ebrei. “Dobbiamo rivolgerci ai giovani, perché senza
    di loro non c’è memoria. – ha detto Knobloch – È importante che le voci degli
    ebrei possano ancora essere ascoltate in futuro, perché non sono rimasti quasi
    più sopravvissuti”.

    A tal scopo Knobloch ha avviato una collaborazione con l’organizzazione Claims Conference (Conference on Jewish Material Claims Against
    Germany) per lo sviluppo di un progetto che ha l’obiettivo di raccontare la sua
    storia attraverso la realtà virtuale interattiva. “La Notte dei Cristalli è
    stato un momento critico in cui la propaganda nazista e l’antisemitismo si sono
    trasformati da parole di odio in violenza fisica contro gli ebrei. –  ha affermato Gideon Taylor, presidente della
    Claims Conference – Questo progetto di realtà virtuale combina una tecnologia
    all’avanguardia con l’educazione sulla Shoah così necessaria. – ha aggiunto –
    Questa importante collaborazione prevede un approccio nuovo all’educazione
    sulla Shoah, fornendo un’esperienza coinvolgente che aiuterà gli utenti,
    comprese le generazioni future, a comprenderla in un modo in cui non è mai
    stato possibile prima d’ora”.

    Nel progetto, il cui sviluppo è iniziato circa un mese fa,
    sono presenti riprese video, nelle quali Knobloch accompagna lo spettatore per
    le strade del suo quartiere d’Infanzia a Monaco, proprio come fece con suo
    padre il 9 novembre 1938, temendo di tornare a casa ed essere presa dai
    nazisti. La sopravvissuta guida gli utenti attraverso ricostruzioni interattive
    di spazi, come le sinagoghe, foto d’archivio, riprese e registrazioni audio
    originali dei discorsi di membri del Terzo Reich.

    La Claims Conference ha promosso il progetto in
    collaborazione con la USC Shoah Foundation, Meta, l’UNESCO e il World Jewish
    Congress.

    CONDIVIDI SU: