Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ‘Ho dato tutto, non ho rimpianti’: la lettera di un soldato dell’IDF caduto in battaglia a Gaza

    Il sergente Joseph Gitarts, caduto in battaglia a 25 anni
    lunedì scorso, all’inizio dell’offensiva di terra a Gaza ha scritto una lettera,
    recapitata ai genitori dopo la sua tragica morte. “Ho vissuto una
    vita piena e interessante, non avevo paura della morte. Ho fatto io stesso
    questa scelta e l’ho portata avanti fino alla fine. Sono caduto con onore per
    il bene del mio popolo, non ho rimpianti. – scrive il soldato – Avrei potuto
    scegliere di non combattere e nascondermi. Ma questo va contro tutto ciò in cui
    credo e contro la persona che sono. Pertanto, non avevo scelta, e farei la
    stessa cosa se potessi scegliere ancora”.
    La lettera sigillata è stata scritta da Gitarts ancora prima
    di essere chiamato come riservista per combattere a Gaza, anticipando il
    tragico scenario che ora è divenuto realtà. Lo scopo del ragazzo era di dare
    un’ultima consolazione ai suoi genitori con la paura di lasciarli per sempre a
    causa dei combattimenti. “Cari mamma e papà, vi amo moltissimo. Tutto è
    andato come doveva. Ho scelto io stesso questa strada. Voglio dirvi che sono
    fiero che siate stati miei genitori. Mi avete dato così tanto, una vita ricca,
    felice e piena. Sicuramente soffrirete molto, ma fatelo per me cercate di
    andare avanti. Ve lo auguro davvero. Entrambi avete molte persone vicine che vi
    sosterranno. Vivete la vostra vita, passate del tempo con i vostri nipoti e
    aiutate e sostenete lo Stato d’Israele” conclude il soldato nella lettera.
    Gitarts, era un soldato del battaglione corazzato 7029 della
    179esima brigata, caduto in una battaglia nel sud della Striscia di Gaza dopo
    essere stato colpito da un missile anticarro. Negli ultimi anni il ragazzo
    aveva studiato e lavorato sempre nel settore scientifico, conducendo studi
    approfonditi nel campo della medicina e dell’informatica. Nell’ultimo anno
    aveva iniziato a sviluppare una startup. Ad oggi, il numero totale delle
    vittime dell’IDF nella guerra ammonta a 491, di cui 158 morti dall’inizio dell’offensiva
    di terra a Gaza. Gitarts va aggiungersi ad una lunga e triste lista di giovani
    cui la vita è stata spezzata a causa della guerra tra Israele e Hamas.
     

    CONDIVIDI SU: