Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “Il monte del Tempio è libero” – Una vittoria inattesa. Intervista a Abraham Rabinovich

    Chi cerca il miglior libro, la ricostruzione storica più emozionante e dettagliata della liberazione di Gerusalemme, deve leggere “The battle for Jerusalem” di Abraham Rabinovich, uno storico e giornalista israeliano che ne fu testimone oculare. Rabinovich  è famoso per i suoi libri che analizzano nei dettagli alcuni momenti chiavi della storia militare recente di Israele: oltre alla conquista della città vecchia di Gerusalemme, la guerra del Kippur e l’impresa che permise alla marina israeliana di impadronirsi di cinque piccole navi militari pagate ma bloccate dal governo francese nel porto di Cherbourg in Normandia. Ha scritto poi dei libri importanti sulla storia recente di Gerusalemme, una biografia del mitico sindaco Teddy Kollek, una ricostruzione della riunificazione politica ed economica della città, negli anni successivi alla sua liberazione. “Shalom” ha intervistato Rabinovich in occasione di Yom Yerushalaim, il cinquataquattresimo anniversario della liberazione della città.

     

    Il sottotitolo del suo libro parla della liberazione di Gerusalemme come di una “conquista involontaria”. Perché non fu intenzionale? Il governo israeliano non si aspettava un attacco in Giordania?

     Quando Nasser iniziò a spostare il suo esercito nel Sinai alla vigilia della Guerra dei Sei Giorni, Israele si mobilitò e si preparò per una difficile guerra con l’Egitto. Sperava che la Giordania ne rimanesse fuori. Quando l’aviazione israeliana realizzò il suo attacco preventivo alle basi aeree egiziane la mattina del 5 giugno, il primo ministro Eshkol inviò  un messaggio al re Hussein di Giordania tramite le Nazioni Unite dicendo che Israele non avrebbe mosso guerra alla Giordania se la Giordania a sua volta non lo avesse attaccato.

                   

    Dunque nei piani israeliani a Gerusalemme non avrebbero dovuto esserci la guerra.

    Innanzitutto mancavano i mezzi. Moshe Dayan disse al generale che comandava il fronte di Gerusalemme che avrebbe dovuto resistere a tutti i possibili attacchi solo con le forze che aveva già a disposizione. Infatti l’esercito era impegnato nelle battaglie del Sinai e nessuna assistenza poteva essergli assicurata per Gerusalemme. Due ore dopo l’artiglieria giordana ha aperto il fuoco sulla Gerusalemme israeliana. Il comando militare israeliano tuttavia ordinò alle sue unità di prima linea a Gerusalemme di limitare la loro reazione per non provocare un’ulteriore escalation. Il fuoco dei fucili doveva essere risposto con il fuoco dei fucili, il fuoco delle mitragliatrici con le mitragliatrici, ecc. La speranza era che Hussein si accontentasse di un “saluto” dimostrativo di artiglieria che gli avrebbe reso onore tra la sua stessa gente. Tuttavia, i bombardamenti aumentarono. Ma nel pomeriggio la situazione strategica nel Sinai era cambiata radicalmente: i carri armati israeliani con supporto aereo stavano respingendo l’esercito egiziano. 

     

    E quindi diventò possibile per Israele assumere un atteggiamento più attivo a Gerusalemme? 

    Sì, la nuova situazione permise allo Stato Maggiore di annullare i piani per lanciare una brigata di paracadutisti dietro le linee egiziane e inviarla invece a Gerusalemme. La missione che le fu assegnata era quella di soccorrere la guarnigione israeliana di 120 uomini sul Monte Scopus, dove già allora c’era l’università ebraica, ma che era in quel momento  un’enclave israeliana dietro le linee giordane. La svolta avvenne durante la notte in un’aspra battaglia ad Ammunition Hill, sul versante occidentale di Monte Scopus, a nord di Gerusalemme. 

     

    Si puntava alla conquista della Città Vecchia?  

    Il pensiero del governo era cambiato. L’Egitto era chiaramente sulla via della sconfitta. Così erano le forze giordane a Gerusalemme. I paracadutisti erano posizionati su linee che potevano permettere di prendere la Città Vecchia, cosa che non era nemmeno stata presa in considerazione quando è scoppiata la guerra. In un’accesa riunione di gabinetto diversi ministri si opposero all’idea, principalmente da parte del Partito nazionale religioso, che allora era molto prudente. Dicevano che portare i luoghi santi cristiani a Gerusalemme sotto il dominio ebraico avrebbe provocato una diffusa opposizione internazionale, in particolare dal Vaticano ma anche dalle nazioni occidentali. Tuttavia, la maggioranza ritenne che lo Stato Ebraico non poteva evitare di prendere il Muro Occidentale e il sito della biblica Gerusalemme. Quarantotto  ore dopo i primi colpi di arma da fuoco, Israele era in possesso di tutta Gerusalemme, cosa che nemmeno i più nazionalisti avevano immaginato accadesse all’inizio della guerra.

     

    Il governo temeva le reazioni del mondo musulmano?

    No, avevano paura della reazione del mondo cristiano.

            

    Subito dopo la liberazione una bandiera israeliana fu issata sul Monte del Tempio. Poi si decise di ammainarla e di affidare di nuovo la gestione dell’area del Tempio a una fondazione islamica legata alla Giordania. Chi prese queste decisioni e perché? 

     Il ministro della Difesa Moshè Dayan ordinò la rimozione della bandiera dopo che era stata innalzata dai paracadutisti. Era un atto da statista, volto a evitare provocazioni inutili. Allo stesso modo, si è prestata attenzione a non offendere le varie comunità cristiane.

     

    Lei ha scritto un libro su Teddy Kollek. Qual è stato il tuo contributo più importante alla costruzione dell’odierna Gerusalemme?

    Kollek era un visionario, animato da una grande forza civilizzatrice. Ha costruito musei, teatri e altre istituzioni culturali. Ha sostenuto che gli arabi e gli ebrei alla fine avrebbero imparato a vivere insieme.

     

    Le statistiche mostrano che la maggioranza ebraica a Gerusalemme si sta erodendo, anche perché il territorio della città comprende molti villaggi arabi. Pensa che ci sia un rischio per il possesso ebraico di Gerusalemme? 

     La rivendicazione della sovranità di Israele su tutta Gerusalemme non è seriamente messa in discussione, almeno per il momento, il che non significa che sia accettata politicamente. La maggior parte dei paesi ha le proprie ambasciate a Tel Aviv, non a Gerusalemme. La maggioranza ebraica si sta lentamente erodendo ma una crisi in questo campo è tutt’altro che imminente.

    CONDIVIDI SU: