Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    All’attrice e regista israeliana Ronit Elkabetz il doodle di oggi in Israele: è scomparsa a 51 anni e oggi sarebbe stato il suo compleanno

    Avrebbe compiuto oggi 58 anni Ronit Elkabetz e per questo anniversario le viene dedicato in Israele e in Francia un doodle, disegnato dall’artista israeliana Maya Shleifer. Elkabetz, attrice e regista israeliana, scomparsa nel 2016 a soli 51 anni, lasciando due figli e il marito, l’architetto Avner Yasharon, è ricordata così oggi nei due paesi che amava di più e a cui era profondamente legata.

     

    La scomparsa di Ronit Elkabetz lasciò un vuoto incolmabile nel cinema internazionale. Era considerata una tra le attrici e registe israeliane più importanti di tutti i tempi e le sue opere ancora oggi continuano a raggiungere le sale di molti paesi del mondo.

     

    Ronit Elkabetz è nata nel 1964 a Bersheva, città immersa nel deserto del Sud d’Israele, in una famiglia ebraica molto tradizionalista di origine marocchina, e lei è la prima di quattro fratelli. Ronit esordisce come modella, poi arriva al teatro e al cinema: nel 1997 si trasferisce per un periodo a Parigi e anche li si accorgono subito del suo talento. In Francia l’attrice lavorerà nel cinema e in teatro, e collaborerà tra gli altri con Fanny Ardant e Catherine Denevue. Il regista Eran Kolirin la porta sui grandi schermi di tutto il mondo con il suo film di esordio La banda. Il film va a Cannes, e in Israele le vale il Premio Ophir (il massimo riconoscimento del cinema israeliano) come miglior attrice.

     

    Dopo arriva alla regia, mantenendo nei suoi film un ruolo anche come attrice. Nel 2004 esce To Take a Wife, che da’ il via al sodalizio artistico con il fratello Shlomi e alla trilogia nata dallo spunto autobiografico. Poi 7 Days, pellicola corale in cui recitano grandi star del cinema israeliano e l’ultimo Viviane, film sul divorzio ebraico, girato interamente dentro una stanza, applaudito a Cannes e scelto come pellicola israeliana per gli Oscar nel 2014.

    CONDIVIDI SU: