Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Alla vigilia di Yom HaShoah atterrati in Israele 21 sopravvissuti dall’Ucraina

    Mercoledì notte, alla vigilia di Yom HaShoah, è atterrato in Israele un aereo appositamente attrezzato che trasportava nove profughi ucraini sopravvissuti alla Shoah. Mentre altri dodici sono arrivati ​​all’inizio della giornata con voli regolari, secondo quanto riportato dalla International Fellowship of Christians and Jews (IFCJ), che sta organizzando i voli che trasportano rifugiati in Israele dall’Ucraina.

     

    I 21 sopravvissuti che sono arrivati ​​mercoledì non sono gli unici a raggiungere lo Stato ebraico da quando la Russia ha invaso l’Ucraina poco più di due mesi fa. In totale, si stima che circa 500 sopravvissuti alla Shoah, provenienti da Ucraina, Russia e Bielorussia, siano immigrati in Israele negli ultimi due mesi, secondo le statistiche del Ministero dell’Immigrazione e dell’Assorbimento.

     

    I nove sopravvissuti del volo speciale di salvataggio avevano esigenze mediche che richiedevano sistemazioni speciali e che quindi non erano in grado di viaggiare su un volo regolare. Lo ha riferito il gruppo di risposta alle emergenze ZAKA, che ha co-organizzato il volo medico con IFCJ. Si tratta del quarto volo di soccorso medico di questo tipo ad arrivare in Israele dall’inizio della guerra. L’aereo è decollato dalla Moldavia, dove i passeggeri erano stati raccolti e sistemati in un hotel in attesa che le disposizioni per il volo fossero finalizzate.

     

    “Non avrei mai pensato che sarebbe successo di nuovo”, ha detto Ninel Zhilinska, 88 anni, uno dei sopravvissuti sull’aereo, poco prima di partire per Israele. “Ero una rifugiata nel 1941 e ora sono diventata di nuovo una rifugiata”, ha sottolineato.

     

    La passeggera più anziana del volo era Tatyna Ryabaya, 99 anni, che ha viaggiato con la figlia di 73 anni. “Non ho creduto fino all’ultimo momento che sarei dovuta fuggire. Non credevo che alla mia età avrei dovuto viaggiare su un bus di soccorso per più di un giorno mentre le bombe stavano esplodendo intorno a me e che avrei dovuto temere per la vita di mia figlia”, ha raccontato Ryabaya, che ha ricordato di aver fatto una fuga simile durante la Seconda Guerra Mondiale, in cui gran parte della sua famiglia fu uccisa.

     

    Il ministro dell’Immigrazione Pnina Tamano-Shata ha incontrato personalmente i rifugiati al loro sbarco all’aeroporto Ben Gurion. Parlando con i volontari prima che l’aereo atterrasse, ha notato l’importanza dell’atterraggio del volo di mercoledì all’inizio del Giorno della Memoria. “È simbolico. Durante la Shoah non avevano un posto dove scappare. Oggi c’è una forte famiglia ebraica”, ha affermato. Il capo dell’IFCJ, Ayelet Shiloh Tamir, ha fatto eco alle osservazioni del Ministro, dicendo che l’arrivo dei sopravvissuti alla vigilia “simboleggiava più di ogni altra cosa l’essenza del sionismo e la responsabilità reciproca del popolo ebraico”.

    CONDIVIDI SU: