Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Due sopravvissute alla Shoah sono state tratte in salvo dall’organizzazione israeliana ZAKA

    Nelle ultime settimane migliaia di profughi ucraini sono arrivati in Israele per fuggire dalla guerra. Tra queste due sopravvissute alla Shoah: una di 91 anni e l’altra di 100 anni. Le due signore sono state tratte in salvo grazie all’aiuto dell’organizzazione ZAKA. Sono fuggite dall’Ucraina attraverso la Moldavia, facendosi strada attraverso le foreste insieme ad altre sei persone della loro città natale di Chernihiv: i tre nipoti di una delle anziane signore; una coppia di anziani; e un’altra donna adulta. Tutti in pericolo di vita.

     

    Il vice capo di ZAKA in Ucraina, Nachman Dickstein, insieme a sua moglie, hanno partecipato in prima persona all’operazione di salvataggio. “Siamo riusciti a salvare una donna di 100 anni nata nel 1921, sopravvissuta alla Shoah e alla Seconda Guerra Mondiale”, ha raccontato ad Arutz 7. “Ha avuto solo due ore per racchiudere una vita di 100 anni in poche borse. L’abbiamo incontrata al confine con la Moldavia e l’abbiamo portata a fare un controllo medico.” “Tra pochi giorni la porteremo in Israele su un volo speciale ZAKA per coloro che hanno bisogno di cure mediche” ha aggiunto.

     

    Chaim Otmazgin, alto funzionario dell’organizzazione israeliana, ha spiegato i dettagli di questo salvataggio speciale. “All’inizio sembrava una missione impossibile”, ha affermato. “Era, ed è tuttora, molto pericoloso per i civili spostarsi in Ucraina, specialmente nelle aree che sono state sostanzialmente conquistate dalla Russia. Ma i nostri volontari erano determinati e sono riusciti a contattare alcuni dei locali che hanno contribuito a renderlo possibile” ha spiegato. “L’unico contatto che abbiamo avuto è stato una volta al giorno, quando qualcuno è salito sul tetto di un edificio di nove piani per avere una connessione abbastanza buona da chiamarci e ascoltare le nostre istruzioni” ha continuato. 

     

    “Dopo aver viaggiato attraverso foreste e strade pericolose per 12 ore, le otto persone hanno finalmente raggiunto Kiev e sono state portate in un luogo sicuro. È stata un’operazione difficile e pericolosa, ma vedendo la gioia e il sollievo sui volti di tutti quando erano finalmente salvi, ne è valsa la pena” ha concluso l’alto funzionario di ZAKA.

    CONDIVIDI SU: