Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Gal Gadot ospita una ‘’bambina di Schindler’’ nel suo salotto per ‘’Zikaron Basalon’’

    Gal Gadot, nipote di un sopravvissuto alla Shoah, ha deciso di onorare Yom HaShoah ospitando nel salotto di casa sua la sopravvissuta alla Shoah Celina Biniaz, la persona più giovane salvata da Oskar Schindler.

     

    Biniaz, nata nel 1931 in Polonia, ha partecipato all’evento come parte di un’iniziativa israeliana chiamata “Zikaron Basalon” (letteralmente “memoria in salotto”), in cui le persone ospitano eventi informali con i sopravvissuti per ascoltare le loro storie e condividere le loro testimonianze, in salotti privati.  L’iniziativa è stata avviata in Israele nel 2011 da un gruppo di giovani israeliani che volevano trovare nuovi modi per connettersi con la storia della Shoah proprio durante Yom Hashoah. Oltre alle riunioni private in salotto, hanno anche guidato altre iniziative, tra cui una collaborazione del 2018 con l’iniziativa di musica sociale Koolulam, in cui, assieme a molti artisti, sono stati riuniti più di 600 sopravvissuti.

    In un post su Instagram, Gadot ha detto che ospitare Biniaz è stato “un onore e un privilegio”. Ha scritto inoltre che Biniaz l’ha guardata e le ha detto: “La vita è proprio come quello che hai detto nel tuo film di Wonder Woman – solo l’amore può salvare il mondo”. È stato un momento, ha condivido Gadot, che rimarrà con lei per sempre. Durante l’incontro Biniaz ha raccontato di come Oskar Schindler l’ha salvata, dei cinque anni all’interno del ghetto a Cracovia, del trasferimento ad Auschwitz e del terribile incontro con Josef Mengele. Dopo la sua testimonianza, il compositore e musicista israeliano Tomer Adaddi ha eseguito alcune canzoni, tra cui “Hallelujah” di Leonard Cohen.  Erano presenti anche altre celebrità, come Harvey Keitel e Sacha Baron Cohen con sua moglie Isla Fisher, che ha condiviso una foto dell’evento sul suo profilo Instagram.

     

    Gadot, il cui nonno, come Biniaz è sopravvissuto ad Auschwitz, ha sottolineato l’importanza di raccontare e ricordare storie come quella di Celina. “Ci sono sempre meno sopravvissuti, ed  entro 2035 non ce ne saranno più per raccontare le loro storie. È nostra responsabilità continuare a condividere quello che è accaduto, per noi stessi e per il mondo”, ha scritto, “per ascoltare, per conoscere, per imparare. Per non dimenticare mai.”

    CONDIVIDI SU: