Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Giovani da tutto il mondo per un’esperienza nel Maghen David Adom

    Il Maghen David Adom (MDA), l’equivalente della Croce Rossa Italiana in Israele, é meta di giovani provenienti da tutto il mondo per fare volontariato, aiutando la popolazione israeliana nelle diverse situazioni di pronto intervento, e non solo. Assieme ad Israel Experience, una associazione che lavora con i giovani in tutto il mondo, MDA fornisce corsi di pronto intervento a chi decide di fare il volontario, anche per un periodo definito, come accade in questi mesi.

     

    “Proviamo un grande senso di orgoglio per le centinaia di giovani che hanno deciso di trascorrere la loro estate acquisendo esperienze in un ambiente straordinario”, ha affermato il vicedirettore generale della MDA e capo della divisione comunitaria, il dottor Eli Yaffe.

     

    Giovani speciali che hanno deciso di unirsi al programma di MDA  sacrificando il loro divertimento, come ha affermato Yeffe: “Invece di andare in spiaggia e uscire la sera, hanno scelto il valore di salvare vite e aiutare gli altri nello Stato di Israele, e costituiscono anche una riserva all’estero per l’MDA in tempi di emergenza e disastri naturali e non”.

     

    Le esperienze che provano i volontari di MDA sono tra le più disparate, come quella di un partecipante proveniente dall’Inghilterra che si é commosso dall’esperienza di quando è stato chiamato per aiutare una sopravvissuta all’Olocausto.

     

    “Siamo arrivati ​​sul posto e abbiamo trovato una donna di 102 anni che era a terra”, ha detto il volontario. “La persona che ci aveva chiamato ha spiegato che era una sopravvissuta all’Olocausto. Sono rimasto scosso perché c’erano parecchie vittime dell’Olocausto nella mia famiglia ed è un problema che mi sta molto a cuore. Mi sono reso conto che se riesco a salvare un sopravvissuto dell’Olocausto qui in Israele, sto facendo qualcosa di veramente significativo”.

     

    Una studentessa di ingegneria biomedica proveniente degli Stati Uniti ha detto di essere stata in grado di acquisire un’esperienza preziosa partecipando al programma di MDA: “quello che sto imparando qui é estemamente importante e mi rende felice la possibilità di poter aiutare le persone”, ha detto.

    CONDIVIDI SU: