Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Herzog visita gli Emirati Arabi Uniti dopo il Bahrein

    Dopo la sua visita storica in Bahrein, il Presidente dello Stato d’Israele è arrivato questa mattina ad Abu Dhabi. Nella seconda tappa del viaggio che vede il Capo dello Stato rafforzare i legami con i due paesi arabi degli Accordi di Abramo, Herzog partecipa al Forum sullo Spazio, ambito nel quale Israele ed Emirati Arabi Uniti stringono già un importante rapporto di cooperazione.

     

    Dopo essere stato accolto dal ministro degli Esteri degli Emirati Sheikh Abdullah bin Zayed Al Nahyan, Herzog ha sottolineato come la cooperazione tra Israele ed Emirati Arabi Uniti sul tema dello Spazio sia particolarmente prolifica:  “I nostri due paesi stanno guidando coraggiosamente la nostra regione verso nuove frontiere nello Spazio, lasciando un segno nella storia”, ha affermato il Presidente.

     

    “Dobbiamo lavorare insieme per sfruttare il potere delle tecnologie spaziali avanzate al fine di affrontare l’urgente crisi climatica in Medio Oriente e nel Mediterraneo. La nostra cooperazione può trasformare la nostra bellissima regione in un hub globale di soluzioni climatiche – ha continuato Herzog, facendo riferimento al progetto congiunto israelo-emiratino per l’analisi dei dati dal satellite Venere che permette di comprendere meglio le problematiche ambientali – Israele è molto impressionato dal programma spaziale degli Emirati Arabi Uniti, in particolare dalla sua missione su Marte”. 

     

    Dopo la conferenza, Herzog incontra il presidente degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, nel palazzo di Abu Dhabi, prima di tornare in Israele.

    CONDIVIDI SU: