Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ISRAELE

    I ragazzi del Moshav Netiv HaAsara tornano a festeggiare insieme Bar e Bat-Mitzvà

    La scorsa domenica, a Tel Aviv, il Moshav Netiv HaAsara ha organizzato una cerimonia generale di Bar e Bat-Mitzvà per i suoi giovani. Nonostante la guerra abbia costretto i residenti a evacuare la cittadina e a spostarsi in diverse zone del Paese, i ragazzi si sono uniti nuovamente per festeggiare tutti assieme questo importante passo. Tra gli adolescenti presenti c’era anche Koren Tasa: suo padre e suo fratello sono stati entrambi uccisi nel terribile attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre.
    “Quando sono insieme, vedere la loro profonda connessione è semplicemente bellissimo. Nonostante tutto quello che abbiamo passato, sono il nostro futuro. Abbiamo cercato di preservare la tradizione delle celebrazioni del Bar e Bat-Mitzvà per le famiglie e, con molto sforzo, ci siamo riusciti. Questo fa parte della nostra vittoria”, ha detto Orit Lev di Netiv HaAsara.
    Circa 20 membri del Moshav, situato a nord del confine della Striscia di Gaza, sono stati uccisi nell’attacco di Hamas. I terroristi si sono infiltrati nel Moshav dal cielo usando i parapendio. I membri del Moshav, colti di sorpresa, hanno tentato di combattere valorosamente contro i miliziani, ma molti hanno perso la vita. Da quel sabato, gli abitanti del Moshav sono stati sfollati in varie località tra Tel Aviv, Gan Yavne, Ashkelon e nelle aree circostanti. Nessuno sa ancora quando tornerà a casa, poiché la distanza ravvicinata tra Netiv HaAsara e il confine della Striscia di Gaza non lo consente per il momento.
    Il grande evento ha avuto luogo nel weekend e i ragazzi hanno avuto la possibilità di festeggiare insieme alle famiglie e agli amici. La celebrazione è stata supportata da Michael Kitai e da sua moglie, con l’assistenza del Keren Hayesod e del Fondo per le vittime del terrorismo dell’Agenzia ebraica. Questa iniziativa ha rappresentato un’altra testimonianza del sostegno e dell’impegno reciproco dei donatori di Keren Hayesod nei confronti dei residenti dello Stato di Israele. “Continueremo il nostro importante ruolo nella raccolta di fondi per lo Stato di Israele e per il sostegno al suo popolo” ha detto Weinstock-Gabay, CEO ad interim e direttore generale del Keren Hayesod.
    Ayelet Nahmias-Verbin, presidente del Fondo per le vittime del terrorismo dell’Agenzia ebraica, ha aggiunto: “Pochissimi eventi mi hanno commosso dalla tragedia del 7 ottobre come questo evento per i figli di Netiv HaAsara. È una comunità forte e sorprendente e il suo sistema di sostegno reciproco è una testimonianza della resilienza umana. Ringrazio i donatori per il caloroso abbraccio di questi bambini. Servirà senza dubbio da ancoraggio nel loro processo di riabilitazione personale e comunitario”.

    CONDIVIDI SU: