Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Il governo israeliano stanzia 23 milioni di Shekel per 12 produzioni cinematografiche straniere. Tra queste anche l’Italia

    Nell’ambito di un nuovo programma per incoraggiare le produzioni cinematografiche straniere in Israele, che includerà per la prima volta il riconoscimento della fotografia e il montaggio di film e serie internazionali, questa settimana sono stati approvati fondi per 12 produzioni straniere che cominceranno le loro riprese nello Stato Ebraico. Un comitato interministeriale, composto dall’Autorità per gli Investimenti e lo Sviluppo del Ministero dell’Economia e dell’Industria, il Ministero della Cultura e dello Sport, il Ministero del Turismo e il Ministero degli Esteri,  ha approvato le richieste di 12 società di produzione per sovvenzioni di circa 23 milioni di Shekel. Con la pubblicazione del nuovo percorso di sostegno finanziario, sono state ricevute 19 richieste per un totale di 51 milioni di Shekel.  Le domande presentate comporteranno investimenti per le riprese di produzioni cinematografiche e serie televisive in Israele per un totale di oltre 172 milioni di Shekel. Tra le produzioni che sono state approvate, vedremo presto società di produzione leader come: Mediawan, Fremantle Media, Warner Bros. (WB), Emjag Productions, Viacom Showtime e altre società di produzione di Canada, Stati Uniti, Brasile, Francia, Germania, Italia e altri paesi.

     

    Nel 2023, l’Autorità per gli investimenti ha annunciato l’intenzione di continuare il programma per incoraggiare le produzioni straniere in Israele.  I ministeri del governo, che stanno collaborando al progetto, ritengono che questo importante passo marchierà positivamente Israele in tutto il mondo come un punto di riferimento per la produzione di film e serie tv, grazie alle risorse naturali del paese e ai luoghi storici. La decisione ricadrà positivamente anche su molti israeliani che lavoreranno nelle diverse produzioni. Lo Stato Ebraico è noto per avere vantaggi nel campo della produzione di film e serie tv, che includono servizi di produzione, professionisti qualificati e un pool disponibile di laureati in cinema provenienti dalle principali scuole internazionali. Portare la produzione cinematografica straniera in Israele servirà da leva per lo sviluppo della cultura israeliana, del turismo incoming e del sostegno finanziario, soprattutto dopo il periodo particolarmente difficile causato dalla pandemia.

     

    Il regista, Shlomo Attias, che presiede il comitato che ha selezionato le produzioni vincitrici ha detto: “Il programma mette Israele in linea con la maggior parte dei paesi del mondo che forniscono assistenza e incentivi per incoraggiare la produzione cinematografica nel loro territorio.  Nel corso del nostro lavoro, abbiamo scoperto il bel volto dell’industria cinematografica israeliana e il notevole interesse internazionale per Israele.  Spero che la nostra assistenza porti sempre più società di produzione straniere a investire in Israele. Ringrazio tutti i nostri interlocutori nei ministeri della cultura e dello sport, degli affari esteri, delle finanze e del turismo”.

     

    “Abbiamo lavorato a lungo con i vari ministeri del governo per produrre un meccanismo di supporto per incoraggiare le produzioni di film e serie televisive in Israele. Oggi sono felice di annunciare che ci siamo riusciti: dodici produzioni estere tra le migliori case di produzione internazionali hanno ottenuto il sostegno finanziario.  Porteranno i paesaggi magici di Israele sugli schermi di tutto il mondo- ha aggiunto invece Galit Wahba Shasho – Direttrice, Cultura e Amministrazione Arte presso il Ministero della Cultura e dello Sport- il meccanismo di sostegno alla produzione straniera in Israele è un impulso significativo alla nostra eccellente forza lavoro locale nei vari campi della produzione cinematografica.  Grazie a tutti i nostri partner in questa gradita iniziativa negli uffici governativi”.

    CONDIVIDI SU: