Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Il messaggio del Presidente Herzog alle comunità ebraiche di tutto il mondo

    Dopo l’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre
    in Israele, il presidente d’Israele Isaac Herzog ha mandato un messaggio alle
    comunità ebraiche del mondo. Il messaggio arriva dopo la visita di Herzog nel
    Kibbutz Be’eri, drammaticamente colpito dal crudele attentato. Il presidente
    israeliano  ha ringraziato le comunità
    ebraiche per la solidarietà ed il sostegno mostrato in questi giorni. Con la
    consapevolezza che «ci aspettano settimane dolorose e decisive. La nostra
    storia ci insegna che quando il popolo ebraico è unito e risoluto, nulla è
    impossibile».

     

    Di seguito il messaggio del presidente Herzog :

    “Cari fratelli e sorelle, ebrei di tutto il
    mondo e tutte le comunità ebraiche del mondo. Sono appena ritornato da un
    kibbutz nel sud di Israele. Il nome del Kibbutz è Be’eri; un’incredibile
    comunità che ha fatto fiorire il deserto, costruendo immense industrie,  coltivando i campi e  facendo crescere famiglie – una storia che
    dimostra gli incredibili risultati di Israele e del nostro popolo. Ottant’anni
    fa, il popolo ebraico vide il peggio della crudeltà umana. Ci siamo rialzati,
    abbiamo lottato per avere una casa e abbiamo creato qualcosa di meraviglioso.
    Quando sono tornato dal kibbutz, ho dovuto pulire il sangue dalle mie scarpe.
    Lì i terroristi di Hamas hanno ucciso più di 100 persone, il dieci per cento
    del Kibbutz, e hanno preso altri in ostaggio. Le case del kibbutz sono
    diventate dei gusci anneriti. Ciò che abbiamo visto la scorsa settimana ci ha
    cambiato per sempre. Israele è stato fondato, come una risposta alle atrocità
    dell’Olocausto e della Seconda Guerra Mondiale, e come espressione dei valori della
    civiltà. Questi valori sono stati violati con una crudeltà inimmaginabile e
    trasmessi in live streaming sui social media dai nostri nemici. I bambini sono
    stati massacrati, le donne sono state violentate. Più di mille trecento
    innocenti cittadini israeliani, ebrei e persone provenienti da trentasei paesi
    di tutto il mondo, sono stati assassinati in un giorno. Ho visto cose che non
    posso descrivere. Questa non è una lotta tra un piccolo stato e un gruppo
    terroristico palestinese: è una battaglia tra la civiltà e le barbarie. Se sei
    contrario al sanguinario disprezzo per la vita umana, stai dalla parte di
    Israele. Se sei dalla parte della dignità umana e della civiltà, stai dalla
    parte di Israele. Nel 1948, quando il nostro nuovo Stato, inferiore numericamente
    rispetto al mondo arabo, fu attaccato, e quando la nostra stessa esistenza era
    in dubbio, i nostri fratelli e sorelle nelle comunità ebraiche di tutto il
    mondo si mobilitarono e ci aiutarono a salvare lo Stato ebraico e a farlo
    fiorire e prosperare nel corso dei secoli. E hanno continuato a starci accanto
    lungo tutto il percorso.

    So che molti di voi hanno famiglie in Israele e che
    siete preoccupati. Molti di voi stanno guardando con agonia e dolore. I vostri
    migliori amici sono in Israele. So che provate il nostro stesso dolore. E so
    che condividete il nostro orgoglio e la nostra trepidazione mentre i nostri
    figli e le nostre figlie combattono il nemico. So che condividete la nostra
    frustrazione e rabbia quando le nostre azioni per difenderci vengono messe in
    discussione, anche quando rispettiamo interamente il diritto internazionale.

    Quindi, cari amici, ci aspettano settimane dolorose
    e decisive. La nostra storia ci insegna che quando il popolo ebraico è unito e
    risoluto, nulla è impossibile. Vi ringrazio per tutto quello che avete fatto
    per sostenere e difendere Israele. Sono travolto dall’incredibile dimostrazione
    di sostegno; è come se l’intera Mishpachà ebraica si fosse risvegliata di nuovo
    come un leone. E grazie perché continuerete a starci accanto. Questo è un
    momento di tragedia ma anche un momento di rinascita. Il paradiso di Be’eri che
    è stato trasformato in Inferno, (per favore a D-o), ritornerà ad essere un
    paradiso fiorito. Am Israel Chai”.

    CONDIVIDI SU: