Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ISRAELE

    Il presidente argentino Javier Milei in visita in Israele. Trasferirà l’ambasciata a Gerusalemme

    Il capo di Stato argentino Javier Milei è arrivato ieri in Israele, meta della sua prima visita bilaterale da quando ha assunto la presidenza a dicembre. Appena atterrato Milei ha annunciato la sua volontà di trasferire l’ambasciata argentina a Gerusalemme, tuttavia al momento non sono stati fatti passi concreti.

    Il ministro degli Esteri Israel Katz, che ha accolto Milei all’aeroporto Ben Gurion, lo ha ringraziato per aver sostenuto Israele nella guerra contro Hamas a Gaza e per aver riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele. “Sei una persona di valori, che si impegna solo per la verità, e non c’è da meravigliarsi che tu abbia scelto di venire subito in Israele per sostenerci nella lotta per la difesa del popolo ebraico contro gli assassini di Hamas”.

    Prima di incontrare il presidente Isaac Herzog, il presidente Milei ha visitato il Muro Occidentale nella Città Vecchia di Gerusalemme, il luogo più sacro, dove è stato immortalato visibilmente emozionato mentre abbracciava il rabbino Shimon Axel Wahnish, con cui studia a Buenos Aires. Infatti, sebbene il capo di Stato argentino non sia ebreo, ha espresso interesse per l’ebraismo e ha parlato della potenziale conversione alla religione. Durante i suoi comizi ha più volte citato passaggi della Torah ed è salito sul palco per un evento elettorale ascoltando la registrazione di uno shofar.

    Durante l’incontro con Herzog, il presidente Milei è stato accolto da una banda dell’IDF, che ha suonato gli inni nazionali di entrambi i paesi. Si tratta del primo benvenuto di questo genere da quando è iniziata la guerra con Hamas il 7 ottobre.

    Nel colloquio tra i due, Herzog ha detto alla sua controparte che Israele “non può aspettare ancora” per riportare a casa gli ostaggi da Gaza. “Visiterete un paese che è stato attaccato il 7 ottobre da una brutale organizzazione terroristica, che ha effettuato un attacco barbaro e sadico contro il popolo di Israele e ha preso in ostaggio centinaia di persone”, ha detto Herzog in una dichiarazione pubblica insieme a Milei. “Ora abbiamo 136 ostaggi a Gaza, preghiamo e lavoriamo instancabilmente per riportarli a casa il prima possibile”. Milei ha dichiarato di aver inviato un disegno di legge al Congresso argentino chiedendo il rilascio di tutti gli ostaggi, compresi i cittadini argentini, e ha aggiunto che sta lavorando per dichiarare Hamas un’organizzazione terroristica.

    Oggi vedrà il primo ministro Benjamin Netanyahu e i membri del suo gabinetto di guerra.

    CONDIVIDI SU: