Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Israele e Giordania firmano accordo bilaterale su energia solare e acqua

    Lunedì scorso Israele e
    Giordania hanno firmato un accordo di cooperazione bilaterale. In Giordania
    verrà costruito un impianto fotovoltaico che esporterà 600 MW d’energia verde
    in Israele, mentre un impianto di desalinizzazione stabilito in Israele fornirà
    200 milioni di metri cubi d’acqua alla Giordania.

    Il progetto è stato ipotizzato
    per la prima volta in un incontro di settembre tra la ministra dell’energia
    Karine Elharrar e l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti in Israele, Mohamed
    Al Khaja.

    La convergenza diplomatica è
    stata mediata dagli Emirati – sulla lunga scia degli Accordi di Abramo – che
    hanno ospitato una cerimonia di firma all’Expo di Dubai alla presenza della
    ministra Elharrar, del ​​presidente Emirates Development Bank, Sultan Ahmed Al
    Jaber, e dell’inviato statunitense per il clima John Kerry, che ha detto:
    “Il Medio Oriente è in prima linea nella crisi climatica, solo lavorando
    insieme i paesi della regione possono essere all’altezza della sfida”.

    Secondo la ministra, l’accordo
    è stato il “più significativo” dalla firma del trattato di pace nel
    1994, ed il suo vantaggio “non è solo sotto forma di elettricità verde o acqua
    desalinizzata, ma anche di rafforzamento delle relazioni con il vicino paese
    che ha il confine più lungo con Israele”.

    La cooperazione in materia
    idrica tra i due stati risale a prima delle loro relazioni formalmente
    stabilite. Il Regno Hascemita è una delle realtà più carenti di acqua a causa
    del ridotto sbocco sul mare, e deve affrontare il problema mentre la
    popolazione si espande e le temperature si alzano. Israele, invece, anch’esso
    paese caldo e secco, grazie alla sua avanzata tecnologia di desalinizzazione ha
    aperto un’opportunità per la vendita di acqua dolce.

    Sempre Elharrar ha incontrato
    lo scorso mese il ministro dell’Acqua e dell’Irrigazione giordano, Mohammed
    Al-Najjar, per la firma di un progetto separato volto a raddoppiare la quantità
    di acqua che Israele fornisce alla Giordania.

    Gli esperti sostengono che la
    cooperazione potrebbe aiutare a migliorare le relazioni tra i due paesi, ma il
    re di Giordania Abd Allah II l’ha definita una “pace fredda”. I
    dettagli dell’accordo saranno finalizzati nel 2022.

    CONDIVIDI SU: