Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Israele: I sopravvissuti alla Shoah riceveranno 20 milioni di Shekel dal governo tedesco

    Sono circa 3.700 i sopravvissuti alla Shoah che ricevono regolarmente pensioni dal governo tedesco, d’ora in poi potranno beneficiare di un ulteriore aumento dei pagamenti.

    Il governo ha infatti assicurato un extra di 20 milioni di Shekel (5 milioni di Euro circa) in pagamenti annuali per i sopravvissuti alla Shoah che vivono attualmente in Israele, a seguito di negoziati con il ministero delle finanze tedesco, secondo quanto riportato da Jerusalem Post. Il governo ha approvato l’accordo domenica.

     

    I negoziati sono stati condotti dal Ministero delle pari opportunità e l’ente pensionistico incaricato di curare i diritti dei sopravvissuti alla Shoah.

     

    Tutti coloro aventi diritto alle pensioni tedesche riceveranno circa 100 euro in più al mese, dunque 373 Shekel, secondo l’attuale tasso di cambio.

    Inoltre, ogni anno verranno distribuiti altri 500.000 euro ai sopravvissuti affetti da demenza, Alzheimer e altri disturbi cognitivi degenerativi. 

     

    L’Autorità che tutela i diritti dei sopravvissuti aveva chiesto al governo tedesco un sostegno aggiuntivo a causa delle difficoltà economiche e di salute mentale sopraggiunte a causa della pandemia di Covid-19.

    “L’esperienza delle chiusure all’interno delle quattro mura domestiche, a cui abbiamo assistito tutti durante il periodo del Coronavirus, ha aperto vecchie ferite a molti sopravvissuti, che hanno rivisto in questi isolamenti sociali qualcosa di vicino ai tempi della guerra”, ha spiegato il Ministro per l’uguaglianza sociale e le pari opportunità, Meirav Cohen. “Al fine di assistere nel trattamento di salute mentale di quelle vecchie ferite, ma anche alla luce del deterioramento della situazione economica degli anziani sopravvissuti alla Shoah, a causa della crisi pandemica, siamo stati in grado di ottenere l’assistenza del governo tedesco. Non solo, siamo riusciti ad assicurarci ulteriori fondi attraverso la cooperazione che esiste tra i governi, e per questo ringrazio e apprezzo l’operato del governo tedesco – ha detto Cohen – lavoreremo giorno e notte affinché gli anziani in Israele, in generale, e i sopravvissuti alla Shoah, possano vivere nella dignità che meritano”, ha detto Cohen.

    CONDIVIDI SU: