Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Israele: ritrovato a Yavne un mosaico di 1600 anni

    A Yavne, città nel Distretto Centrale d’Israele, durante gli scavi archeologici effettuati dalla Israel Antiquities Authority e finanziati dalla Israel Lands Authority, è stata fatta una preziosa scoperta: un mosaico pavimentale di 1600 anni.

    Il mosaico, in ottime condizioni, risale al periodo bizantino (IV-V secolo d.C.) e, secondo gli esperti, faceva parte di una splendida costruzione residenziale.

    Il pavimento è decorato con motivi geometrici colorati e una cornice rettangolare nera. “All’inizio non ci rendevamo conto che il pavimento era multicolore”, affermano Elie Haddad e Hagit Torgë, che hanno condotto gli scavi: “Avevamo ipotizzato che si trattasse di una semplice pavimentazione in mosaico bianco, appartenente ad un altro impianto industriale. Ma le macchie nere punteggiate intorno al mosaico suggerivano che ci fosse più di un colore e ci hanno spinto a rimuovere la patina biancastra che lo aveva ricoperto per anni”.  

    Il mosaico, dopo i lavori di documentazione e manutenzione, sarà esposto nella piazza centrale di Yavne a beneficio dei cittadini e del pubblico in generale.

    Il sindaco di Yavne, Zvi Gur-Ari, ha affermato che “la conservazione archeologica e la consapevolezza del passato sono valori importanti nella vita della città di Yavne, che ha una storia magnifica. In un’epoca di progresso e sviluppo accelerato in tutti i campi della vita, le generazioni future dovrebbero anche essere in grado di vedere come la città si è evoluta nel corso della storia. Continueremo a lavorare con l’Autorità israeliana per le antichità per garantire l’accessibilità del pubblico ai reperti e la continua ricerca e comprensione del passato della città e della sua importanza storica “. 

    Durante i lavori di restauro il sito rimarrà aperto, al fine di consentire a tutti di partecipare alla graduale scoperta del prezioso pavimento.

    CONDIVIDI SU: