Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La serie israeliana “Tehran” vince gli Emmy Awards come migior serie drammatica

    Il thriller israeliano, prodotto dal canale pubblico Kan e distribuito globalmente da Apple TV+, ha battuto agli Emmy la serie indiana Aarya, lo spettacolo cileno El Presidente e il programma britannico There She Goes nella categoria “miglior serie drammatica”.

     

    Tehran non è solo una serie di spionaggio, riguarda anche la comprensione dell’essere umano dietro il nemico”, ha detto la produttrice esecutiva Dana Eden durante l’accettazione del premio a New York.

     

    “Abbiamo scoperto che abbiamo molto in comune. Penso che dia una speranza per il futuro, e spero che possiamo camminare insieme a Gerusalemme e a Teheran, come amici e non come nemici” ha aggiunto la produttrice facendo notare come il cast e la troupe dello spettacolo siano composti da israeliani e iraniani.

     

    Lo spettacolo, che è stato scritto e creato da Moshe Zonder, Dana Eden e Maor Kohn, è stato rinnovato per una seconda stagione dopo aver ottenuto apprezzameti della critica sia all’interno che all’esterno di Israele.

     

    Oltre alla protagonista Niv Sultan nei panni di Tamar, la giovane spia del Mossad, insieme a Navid Negahban, Menashe Noy e Shaun Toub, per la prossima stagione si aggiungerà al cast l’attrice nominata all’Oscar Glenn Close. La seconda stagione della serie è attualmente in lavorazione ad Atene.

     

    Israele in precedenza aveva vinto solo due International Emmy Awards: miglior commedia nel 2018 per la serie Nevsu e nel 2010 per lo spettacolo Ramzor.


    CONDIVIDI SU: