Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La squadra israeliana si classifica al nono posto alle Olimpiadi femminili della matematica

    Grande soddisfazione per la squadra israeliana che si classifica al nono posto al mondo nell’undicesima edizione delle Olimpiadi Europee Femminili della Matematica (EGMO), svolte ad Eger, in Ungheria. 

    La competizione internazionale, riservata alle studentesse delle scuole superiori di tutta Europa con lo scopo di promuovere le materie scientifiche anche fra le ragazze, ha visto la partecipazione di 222 concorrenti, provenienti da 56 nazioni.

    Tutte le studentesse israeliane portano a casa una medaglia: oro per Nogah Friedman, che conquista, grazie al suo punteggio personale, il terzo posto al mondo e tre medaglie di bronzo per Tamar Pe’er, Noga Labin e Ya’ara Schulman.  

    “Un grande orgoglio – ha affermato il ministro dell’Istruzione Yifat Shasha-Biton, complimentandosi con le ragazze – per la squadra, per il sistema educativo israeliano e per il Paese intero. Spero che l’eccezionale risultato raggiunto sia da esempio per molti altri studenti, che avranno il desiderio di seguire lo stesso percorso”.

    Per due giorni tutte le squadre si sono affrontate in una sfida a colpi di problemi, algebra, teoremi di geometria, combinatoria e teoria dei numeri.

    Questo risultato ha un grande significato, viste le recenti iniziative per coinvolgere maggiormente le studentesse nelle materie Stem (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) e hi-tech: “Auspico che ciò porti ad un incremento del numero delle ragazze interessate alle professioni scientifiche” ha affermato il prof. Alon Chen, presidente dell’Istituto Weizmann.

    CONDIVIDI SU: