Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Le giovanili di 8 club europei di calcio hanno partecipato ad un torneo commemorativo della Shoah

    Otto squadre giovanili di calcio provenienti da cinque differenti nazioni hanno partecipato ad un torneo molto particolare durante il fine settimana, il Walther Bensemann Memorial Tournament, che si è tenuto a Norimberga. Durante il weekend i  giovani calciatori più talentuosi d’Europa non si sono solamente affrontati sul campo, ma hanno avuto la possibilità di ascoltare le testimonianze di sopravvissuti alla Shoah e partecipare a seminari, conferenze e visite nei famigerati campi di raduno per saperne di più sugli orrori perpetrati sotto il regime nazista.


    I giocatori under 17 di Chelsea, Bayern Monaco, Maccabi Tel Aviv, Bologna, Eintracht Francoforte, Norimberga, Karlsruher SC e il KS Cracovia hanno preso parte alla competizione organizzata da Nie Wieder (Never Again) e Makkabi Germania con il sostegno della UEFA.


    Il torneo prende il nome dal pioniere del calcio Walther Bensemann, che ha fondato club, tra cui i predecessori di Francoforte e Karlsruhe, e la rivista di calcio Kicker, molto popolare ancora oggi. Nel 1933, quando i nazisti presero il potere, fu costretto a dimettersi dalla rivista e fuggire dalla Germania a causa delle sue radici ebraiche.


    “Gli sport sono di grande importanza per la nostra società e in Europa, in particolare per connettersi e riconciliarsi. E, come si suol dire, godersi il gioco del calcio”, ha detto Eberhard Schulz di Nie Wieder. “Ecco perché lo stiamo facendo, ed è per questo che siamo convinti, come Walther Bensemann, che stiamo facendo la cosa giusta”.


    Un’esperienza unica nel suo genere per questi giovani ragazzi che hanno potuto ascoltare le testimonianze di chi ha vissuto in prima persona gli orrori della Shoah, tra cui la storia di Shaul Ladany. Nato a Belgrado il 4 aprile 1936, Ladany, oltre ad essere un sopravvissuto alla Shoah, ha partecipato due volte alle Olimpiadi ed è stato un membro della delegazione  israeliana di Monaco ‘72. Fu uno dei pochi atleti israeliani a salvarsi al massacro perpetrato dal gruppo terroristico palestinese Settembre Nero, nel quale undici israeliani vennero uccisi.Ladany riuscì a scappare, anche se per svariate fu considerato disperso, se non addirittura morto.


    “Ci sono domande?” ha chiesto alla stanza piena di giocatori dopo aver parlato loro della sua vita. La reazione dei giovani calciatori è stata il silenzio, che è durato a lungo dopo che il sopravvissuto Shaul Ladany aveva finito di parlare. 

    Per 90 minuti il sopravvissuto, che all’età di 8 anni fu portato nel campo di concentramento di Bergen-Belsen, ha raccontato orrori perpetrati dai nazisti.

    “Se sono stato in grado, con i miei discorsi su ciò che ho passato e su ciò che sono riuscito [a fare], di penetrare nei loro cervelli, allora credo di aver avuto successo”, ha detto Ladany all’Associated Press.


    “È molto importante ricordare cosa è successo e dirlo ad alta voce, in modo che non accada di nuovo”, ha detto all’AP il team manager del Maccabi Tel Aviv Leon Asraf. “Mai. Per noi, per te, per tutti, in tutto il mondo”. Anche i giocatori lo hanno sostenuto, come per esempio l’ala del Chelsea Chinonso Chibueze.


    “Mi piace imparare storie diverse. Ad esempio, ieri, ho appreso dell’antisemitismo, della seconda guerra mondiale, di come gli ebrei hanno attraversato la discriminazione e il genocidio”, ha detto Chibueze. “Sto imparando da questo per assicurarmi che non accada mai più, che impariamo dai nostri errori e trattiamo tutti allo stesso modo”. Della stessa idea era il compagno di squadra Somto Boniface, “è stato molto utile saperne di più su ciò che è successo in passato per evitare che accada di nuovo”, ha detto il terzino sinistro di 16 anni.


    A parlare ai calciatori ci sono stati anche altri sopravvissuti, come Eva Szepesi, che ha raccontato di essere stata portata da bambina nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau.

    “Lo scopo della mia vita è raccontare cosa è successo durante la Shoah, che persone innocenti, mia madre, il mio fratellino, mio ​​padre e molti, molti milioni di persone innocenti sono state messe a tacere” ha detto Szepesi prima di estrarre i nomi delle squadre da una ciotola per il sorteggio della competizione giovedì.

    Mentre Ernst Grube, ha parlato del terrore esercitato sul popolo ebraico dai tedeschi sotto il regime nazista. Lo stesso Grube sopravvisse al campo di Theresienstadt.

    Zvi Cohen, che ha imparato a suonare l’armonica a casa da solo mentre i suoi genitori lavoravano nei campi di lavoro nazisti, ha spiegato come gli ha salvato la vita quando è stato scoperto dalle SS. Cohen aveva imparato dalla radio, quindi conosceva solo la musica suonata dai nazisti.


    Ladany però non ha parlato solo del passato, ha dato anche consigli ai giovani atleti, lui che è un due volte olimpionico e dieci giorni fa alle Maccabiadi ha completato una mezza maratona: “Non cercare il successo monetario. Godetevi i vostri sport e rendete i vostri sport uno stile di vita. E una volta raggiunto l’apice, rimanete nello sport, per divertirvi… Rendetelo qualcosa che amate fare”.


    CONDIVIDI SU: