Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Lucy Dee muore dopo l’attentato che ha ucciso anche le 2 figlie. Il marito: “Donati i suoi organi per portare altro bene nel mondo”

    Cinque persone in attesa di trapianto hanno ricevuto gli organi donati dalla famiglia di Lea Lucy Dee. Tre giorni
    dopo il mortale attentato palestinese in Cisgiordania, poco dopo i funerali
    delle due sorelle Maya (20) e Rina (16), uccise sul colpo, anche la loro madre,
    Lea Lucy Dee (48 anni), è morta in ospedale a Gerusalemme, per le gravi ferite
    riportate. Lunedì pomeriggio l’Hadassah-University Medical Center ha comunicato
    che la donna, come le sue figlie un’israeliana britannica, era stata evacuata
    in elicottero a Ein Kerem in “condizioni critiche” e che i medici “hanno
    combattuto per la sua vita, nell’unità traumatologica, in sala operatoria e
    nell’unità di terapia intensiva”. Ma nonostante gli sforzi “intensi e
    incessanti”, l’équipe ha infine dovuto “determinare la sua morte”.

    Il
    capofamiglia, il rabbino Leo Dee, dopo aver appena sepolto le figlie e aver
    appreso la notizia della moglie, ha voluto rivolgere alcune dichiarazioni alla
    stampa. “La mia bellissima moglie, Lucy, ed io abbiamo cercato di crescere
    i nostri figli con buoni valori, per fare del bene e portare altro bene nel
    mondo”, ha detto lunedì sera, annunciando la decisione di donare gli organi
    della donna. E poi ha rivolto un messaggio all’attentatore, che è riuscito a
    fuggire dalla scena del crimine e non è ancora stato catturato: “Chiedo
    alla persona con il kalashnikov: cosa hai ottenuto? Una vittoria temporanea?
    Stai passando del tempo con i tuoi figli per insegnare loro valori di vita
    decenti? Hai un futuro? Questo è puro male”. Leo Dee ha poi ripercorso il
    momento in cui, venerdì mattina, si è reso conto dell’accaduto, troppo tardi
    per intervenire. “Ho chiamato Lucy. Nessuna risposta. Ho chiamato Maya. Nessuna
    risposta. Ho chiamato Rina. Nessuna risposta. Poi ho visto una chiamata persa
    da Maya alle 10:52. Non me ne ero accorto e non avevo risposto al telefono. La
    sensazione che mi abbia chiamato durante l’attacco mi perseguiterà per un po’”.

    Sono
    pesanti le perdite recenti di vite umane, 19 è il numero delle vittime di
    attentati terroristici palestinesi dall’inizio del 2023, per Israele. Il primo
    ministro Benjamin Netanyahu ha inviato le sue condoglianze alla famiglia
    “a nome di tutti i cittadini di Israele”, così come il presidente Isaac
    Herzog.

    CONDIVIDI SU: