Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Moshe Lion nuovo sindaco di Gerusalemme

    “Gerusalemme
    ha scelto l’unità, il senso dell’unione, il bene. Intendo essere il sindaco di
    tutti gli abitanti di Gerusalemme, chiunque essi siano, che hanno votato per me
    e anche di coloro che non mi hanno votato”.

    A
    Gerusalemme vincono gli anti-laici: è Moshe Lion il nuovo sindaco. Ha vinto il
    nazionalismo e l’ortodossia. Il suo avversario, il laico 35enne Ofer
    Berkovitch, ha replicato che i membri del suo team starebbero indagando su
    presunte “irregolarità” nei seggi. Il distacco infatti è di appena 6000 voti,
    tuttavia i dati parlano del 51% dei voti per Lion.

    Il
    57enne Lion è nato a Tel Aviv da una famiglia di ebrei originari della Grecia.
    Alla fine degli anni Novanta è stato capo di gabinetto dell’allora premier
    Benjamin Netanyahu. Poi è stato Presidente delle Ferrovie israeliane dopo aver
    lavorato con l’Autorità dei porti e delle ferrovie, fino all’incarico di
    presidente dell’Autorità per lo sviluppo di Gerusalemme.

    Nel
    2013 ha contribuito alla coalizione di governo con il Likud e Yisrael Beitenu.
    Sempre in quell’anno aveva provato a diventare Sindaco di Gerusalemme, ma vinse
    Barkat. Cinque anni dopo ce l’ha fatta.

    Tra
    i suoi programmi il no al progetto di Netanyahu di erigere una barriera che
    divide Gerusalemme est dal resto del la città e costruire case per il settore
    ultra-ortodosso: le famiglie ultra-ortodosse hanno una media di sette bambini,
    quindi necessitano di più alloggi. Si è detto contrario al trasporto pubblico
    di sabato e ha espressamente giurato di non partecipare all’annuale Gay Pride.
    Chiaramente situazione completamente diversa sarebbe stata qualora fosse stato
    eletto Berkovitch.

    Lion
    gode l’appoggio dell’appena dimesso Ministro della Difesa Lieberman, sotto i
    riflettori per le espresse dichiarazioni contrarie alla scelta di Netanyahu di
    iniziare una tregua con Hamas. Il candidato di Likud era fuori dal ballottaggio
    per la carica di primo cittadino di Gerusalemme, ma il risultato dell’elezione
    è il segno evidente che qualcosa in Israele sta cambiando.

    CONDIVIDI SU: