Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Porsche investe nella startup israeliana Griiip per corse da brividi

    La divisione di venture capital della Porsche, la prestigiosa casa automobilistica di Stoccarda, ha acquisito una quota di minoranza nella startup israeliana Griiip, allo scopo di migliorare l’esperienza visiva e sviluppare una percezione innovativa delle corse automobilistiche.

    Come riportato dal Times of Israel, la startup ha sviluppato un software basato su un cloud che fornisce direttamente i dati delle auto da corsa in tempo reale, coinvolgendo fan, piloti e team.

    La startup, fondata nel 2015 da Tamir Plachinky e Gil Zakay a Petah Tikva, ha l’obiettivo di rendere gli sport motoristici più accessibili, fornendo soluzioni innovative per interagire con gli appassionati. “Il software multimediale digitale personalizzato della startup, noto come Racing Media Platform (RAMP), si rivolge ad un pubblico giovane, che cerca un’esperienza visiva più coinvolgente e personalizzata tramite i mezzi digitali” – ha affermato la società israeliana.

    La soluzione rende i veicoli da corsa ‘intelligenti’, utilizzando la tecnologia e l’analisi dell’intelligenza artificiale, che fornisce l’accesso diretto ai dati grezzi dalle unità elettroniche del veicolo attraverso un hardware, la Red Box, sviluppato dall’azienda israeliana, che a sua volta estrae i dati dalle auto durante la gara e li elabora in informazioni in tempo reale.

    Questi contenuti, che possono essere personalizzati in base agli interessi di ogni spettatore, vengono visualizzati in grafici, in modo che l’utente abbia una migliore percezione della corsa e ottenga una visione più coinvolgente della competizione.

    Il software offre informazioni sui livelli di stress del pilota, sullo stato della batteria dei veicoli, sulla pressione degli pneumatici e può prevedere i tempi dei giri in pista delle auto.

    Griiip ha inoltre sviluppato una seconda app per lo schermo, al fine di consentire agli utenti di interagire tra loro durante la competizione, con statistiche e sondaggi in tempo reale.

    La startup israeliana ha anche realizzato il Mixed Reality Racing, che integra i dati reali delle corse con i dati dei simulatori di corse, consentendo ai fan di guidare e gareggiare virtualmente con i loro piloti preferiti, durante gli eventi di gara dal vivo.

    I team e i piloti possono interagire e ottenere un’analisi approfondita dei dati delle prestazioni,  monitorando i parametri dell’auto e del pilota.

    “Griiip offre una piattaforma di dati sul motorsport innovativa e orientata al futuro, che collega tutte le parti interessate e crea una nuova era dell’esperienza visiva delle corse automobilistiche”, ha affermato Fritz Enzinger, vicepresidente di Porsche Motorsport.

    “Siamo lieti che Porsche, uno dei marchi di auto sportive più iconici al mondo, si unisca a Griiip come investitore strategico, condividendo la nostra visione di un nuovo universo digitale per l’ecosistema delle corse e della guida sportiva – ha affermato Plachinsky, co-fondatore e Ceo della startup israeliana – La nostra innovativa piattaforma dati, RAMP, coinvolgerà appassionati di corse automobilistiche, team, piloti e giocatori di eSport come mai prima d’ora”.

    Griiip ha già firmato contratti di cooperazione in diverse competizioni automobilistiche.

    “Questo investimento supporta il core business di Porsche attraverso nuovi approcci al coinvolgimento dei fan e dell’audience – ha affermato Talia Rafaeli di Porsche Ventures – L’obiettivo è quello di migliorare la portata dell’azienda nei media, “beneficiando di un potenziale ritorno finanziario dell’investimento nello sviluppo di modelli di business di prossima generazione”.

    CONDIVIDI SU: