Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ISRAELE

    Portavoce dell’IDF rivela le registrazioni shock dei dipendenti dell’UNRWA

    Il portavoce dell’IDF Daniel Hagari durante la sua consueta conferenza stampa ha reso pubbliche le intercettazioni di alcuni insegnanti dell’UNRWA che hanno preso parte al massacro di Hamas del 7 ottobre.
    “La strage commessa da Hamas il 7 ottobre è il massacro più documentato della storia. I terroristi di Hamas hanno filmato la loro stessa crudeltà. Col passare del tempo, vengono rivelate sempre più testimonianze, ogni giorno più informazioni”, ha detto Hagari, che si è presentato davanti alle telecamere, smentendo di fatto le voci secondo le quali si fosse dimesso. Ieri in mattinata, infatti, si era diffusa la notizia delle dimissioni di Hagari e altri ufficiali di alto rango dell’IDF per protestare contro decisioni operative nella guerra di Gaza.
    “Abbiamo il dovere di svelare la verità su coloro che hanno preso parte al massacro del 7 ottobre” ha affermato il portavoce, rivelando i nomi di alcuni dipendenti dell’UNRWA membri di organizzazioni terroristiche a Gaza. Il primo nome rivelato è stato quello di Yusef Zidan Salimam Al-Khuairl, un impiegato dell’agenzia ONU che lavorava come insegnante in una scuola elementare delle Nazioni Unite a Gaza. Nell’intercettazione si sente il terrorista parlare al telefono circa 7 ore dopo che Hamas ha iniziato a invadere Israele. Durante la chiamata, Al-Khuairl si vanta di aver messo le mani su una “SABAYA”, termine arabo che significa “prigioniera” che è “proprietà” del rapitore. Il termine, ha ricordato il portavoce, “veniva usato dall’Isis per descrivere le donne yazidi catturate e alle quali sono state fatte cose orribili”.
    Nel corso della conferenza stampa, Hagari ha reso pubblici i nomi di altri terroristi impiegati dall’UNRWA: Bakr Mahmoud Abdallah Darwish, terrorista di Hamas e consulente scolastico in una scuola dell’UNRWA, Ghassan Nabil Mohammad Sh’hadda El Jabari, terrorista di Hamas che lavora nel Ministero della Salute gestito da Hamas, e Mamdouh Hussein Ahmad al-Qak, un terrorista palestinese della Jihad islamica e insegnante in una scuola elementare dell’UNRWA.
    “Sono oltre 450 i dipendenti dell’UNRWA che fanno parte di gruppi terroristici a Gaza. – ha sottolineato – Questa non è una semplice coincidenza, è un fatto sistematico”.
    “L’uso della violenza sessuale come arma è un problema globale” ha aggiunto Hagari, che ha richiesto una “risposta globale all’utilizzo dello stupro e della violenza sessuale come arma da parte di Hamas”.

    CONDIVIDI SU: