Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    PROCURA CHIEDE INCRIMINAZIONE PER NETANYAHU

    Dopo le anticipazioni dei media, il procuratore generale di Israele, Avichai Mandelblit, ha annunciato che intende rinviare a giudizio il premier Netanyahu per le accuse di corruzione, frode e violazione di obblighi fiduciari. Le accuse fanno riferimento a tre diversi casi di presunta corruzione. In un caso, Netanyahu è accusato di avere ricevuto dei regali da amici miliardari in cambio di favori politici. In un’altra vicenda, il premier è accusato di aver varato regolamenti favorevoli alla compagnia di telecomunicazioni Bezeq, in cambio di una copertura a lui favorevole da parte del sito Walla, il cui editore Shaul Elovitch è anche maggiore azionista della Bezeq. Infine, Netanyahu è accusato di aver chiesto una copertura giornalistica a lui favorevole sul quotidiano Yedioth Ahronot, in cambio di misure economicamente dannose per un giornale rivale. Il premier ha respinto ogni accusa, definendo le indagini neu suoi confronti una “caccia alle streghe”. La richiesta di rinvio a giudizio non mancherà di avere un forte impatto sulla campagna elettorale per le elezioni del 9 aprile, dove il premier deve battersi contro il nuovo partito centrista dell’ex capo di stato maggiore Benny Gantz e il suo alleato Yair Lapid. Il premier aveva cercato invano di fare pressioni su Mendelblit perchè la decisione sull’incriminazione fosse rimandata a dopo il voto. (Mli/AdnKronos)

    CONDIVIDI SU: