Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Sahar Baruch, rapito da Hamas il 7 ottobre, ucciso a Gaza

    Era stato rapito da Hamas il 7 ottobre Sahar Baruch
    (25 anni) e adesso i terroristi hanno mostrato il suo corpo senza vita in un
    video di propaganda. Baruch è stato ucciso a Gaza. La notizia della sua morte è
    stata annunciata dagli abitanti del suo kibbutz, Be’eri.

    Anche il fratello di Baruch, Idan, è stato ucciso da
    Hamas, durante il massacro del 7 ottobre. Sahar è stato dato per disperso per
    settimane, finché la sua famiglia non ha ricevuto il messaggio che era tenuto
    prigioniero da Hamas.

    Venerdì i terroristi di Hamas hanno diffuso un video
    di propaganda che mostrava il corpo di Sahar Baruch, sostenendo che il rapito
    residente di Be’eri fosse stato ucciso durante un’operazione dell’IDF per
    liberare gli ostaggi. L’IDF nega queste affermazioni e ha confermato che Baruch
    è stato assassinato dai terroristi di Hamas.

    Sahar era uno studente di ingegneria all’Università
    Ben-Gurion. “Era a casa di sua madre con suo fratello Idan, si sono
    svegliati la mattina come tutti noi con le sirene e le esplosioni”, ha
    detto sua zia in un’intervista ai media israeliani. “Sono entrati e si
    sono chiusi nel mamad (camera di sicurezza) ma non riuscivano a chiudere la
    porta, quindi l’hanno chiusa con un armadio. Quando è scoppiato l’incendio,
    sono state lanciate tre granate nel mamad: Idan è stato colpito e Sahar lo ha
    curato per ore”.

    “Quando la casa ha iniziato a bruciare e non ci
    si poteva restare, hanno deciso di saltare fuori”, ha aggiunto.
    “All’inizio ha saltato Idan e probabilmente è lì che gli hanno sparato e
    lo hanno ucciso. Sahar è rimasto indietro ancora qualche minuto per portargli
    l’inalatore perché Idan era asmatico. Per più di due settimane non sapevamo
    cosa gli fosse successo e poi sono state acquisite alcune informazioni secondo
    cui non si trovava in territorio israeliano”.

    “Doveva iniziare l’anno accademico, era già
    iscritto e il mercoledì dopo il disastro saremmo dovuti andare a Be’er Sheva
    per scegliere un appartamento”.

    CONDIVIDI SU: