Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Stanotte lancio della prima sonda lunare israeliana

    La prima
    sonda lunare israeliana – finanziata da fondi privati – verrà lanciata questa
    notte (le 3.45 di venerdì ora italiana) da Cape Canaveral su un vettore Falcon
    9 della Space-X. La sonda, del peso di 585 chili, dovrebbe allunare l’11 aprile
    prossimo: oltre a raccogliere dati sulla formazione del satellite, la sonda
    contiene anche dei cd-rom con disegni di bambini, canzoni e immagini di simboli
    israeliani, gli oggetti personali di un sopravvissuto alla Shoah e una Bibbia
    ebraica. 

    La sonda è
    stata costruita dalla SpaceIL, 
    un’organizzazione no-profit israeliana che ha raccolto 100 milioni di
    dollari grazie a imprenditori, istituti di ricerca, Industrie Aerospaziali
    Israeliane (Iai) e Agenzia Spaziale Israeliana (Isa).

    Dopo essere stato
    rilasciato dal Falcon 9, il rover entrerà nell’orbita terrestre percorrendo
    rotte ellittiche, fino ad arrivare abbastanza vicino alla Luna da essere catturato
    dalla sua  gravità. Il rover si chiama
    Beresheet, che in ebraico significa “all’inizio”, ed è poco più che
    una dimostrazione di fattibilità, dal momento che la missione scientifica è
    semplice e durerà solo un paio di giorni, ma la sua importanza è simbolica: la
    prima missione israeliana e allo stesso tempo privata su suolo lunare, che potrebbe
    cambiare l’esplorazione spaziale. In, futuro istituzioni pubbliche e aziende
    private,  come agenzie spaziali e centri
    di ricerca fino alle compagnie di 
    telecomunicazioni, potrebbero acquistare spazi su veicoli  privati per trasportare strumenti sul nostro
    satellite.     SpaceIL aveva partecipato
    in passato al Google Lunar X Prize, la competizione spaziale da 30 milioni di
    dollari iniziata nel 2007 e chiusa nel 2018 senza vincitori. L’azienda sarà
    quindi la prima, tra i concorrenti di quel concorso, a raggiungere  finalmente la Luna. Almeno altre cinque
    aziende si preparano a seguirla e hanno già in programma un lancio entro il
    2021.  

    CONDIVIDI SU: