Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    "Un miracolo": un condominio di Holon crolla il giorno dopo esser stato appena evacuato

    Un condominio a Holon, vicino a Tel Aviv, è crollato domenica, un giorno dopo che i residenti erano già  stati evacuati per paura di un crollo imminente.

    L’edificio ha ceduto da solo, riflettendo quanto la situazione fosse vicina a diventare un disastro, causando un danno di vittime simile al crollo avvenuto a giugno di un grattacielo residenziale in Florida, che ha ucciso 98 persone.

    I primi soccorritori sono stati chiamati sabato dopo che i residenti dell’edificio avevano riferito di aver sentito un suono simile ad un’esplosione.  Le immagini hanno mostrato crepe sui muri dell’edificio e la polizia ha riferito che i residenti non sono stati in grado di aprire le porte d’ingresso dei loro appartamenti.

    La decisione di evacuare l’edificio è stata presa in accordo con ingegneri professionisti, ha detto la polizia.

    L’edificio in Serlin Street a Holon è crollato domenica pomeriggio, circa trenta ore dopo l’evacuazione delle sue 36 famiglie.

    Non ci sono state segnalazioni di feriti a seguito del crollo, anche se molte famiglie hanno perso tutti i loro averi.

    “Fonti professionali stimano che la rapida evacuazione dell’edificio effettuata ieri abbia salvato 36 famiglie da un terribile disastro” ha detto domenica un portavoce dei servizi antincendio e di soccorso israeliani.

    Molti hanno elogiato il rapido sforzo di evacuazione e l’hanno definito un “miracolo”.

    “Vigili del fuoco e servizi di soccorso, siete fantastici.  Lo apprezziamo davvero”, ha detto un residente dell’edificio all’emittente pubblica Kan.

    “Hanno bussato molto forte alla porta e ci hanno portato fuori dall’edificio.  La gente era in pigiama, con bambini e anziani”, ha aggiunto un altro residente.

    CONDIVIDI SU: