Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ISRAELE

    “Una paura che non può essere spiegata”: la straziante storia del rapimento di Danielle e Emilia Aloni

    Danielle Aloni, rapita il 7 ottobre e portata nella Striscia di Gaza con sua figlia Emilia di sei anni, è stata rilasciata dopo 49 giorni. La donna ha deciso solo pochi giorni fa di raccontare del suo rapimento al notiziario Ynet.
    “È una paura che non può essere spiegata, queste sono emozioni che la mente umana non può contenere. Eravamo lì convinti che avremmo finito la nostra vita nel modo più crudele possibile, inalando fumo e soffocando a morte. Ho abbracciato mia figlia Emilia e le ho detto: “Amore mio, mi dispiace, stiamo per morire”.
    Oltre a Danielle ed Emilia, anche la sorella di Danielle, Sharon Aloni Cunio, è stata rapita, insieme a suo marito David Cunio, e alle loro figlie gemelle di 3 anni, Emma e Yuli. Mentre Sharon e le ragazze sono state rilasciate, David è ancora ostaggio a Gaza.
    “Sharon ha ricevuto un messaggio nel gruppo WhatsApp del kibbutz che diceva che i terroristi si erano infiltrati nella zona”, ha ricordato Aloni. “Ricordo che ad un certo punto, ho già iniziato a entrare in una sorta di panico. Ho afferrato mia figlia, e tutto ciò che è uscito dalla mia bocca è stato: “Dio ci salvi” ha continuato Aloni.
    “Mia sorella non ha smesso di cercare di chiedere aiuto, ma nessuno è venuto. Ci siamo chiesti: “Dove sono i soldati?” Abbiamo iniziato a sentire gli spari, e improvvisamente c’è stato un gran silenzio. Li abbiamo sentiti entrare, e a questo punto si era già delineato uno scenario terrificante. Sono entrati gridando “Allahu Akbar” ha descritto la donna.
    Aloni ha ricordato poi di come i terroristi abbiano cercato di aprire la porta della camera bunker, dove i membri della famiglia erano nascosti. “David ha tenuto la porta, ma poi l’ha lasciata. Eravamo tutti sotto shock”, ha detto.
    “Due minuti dopo abbiamo sentito un rumore strano. Come di qualcosa che si era acceso. Ci siamo poi resi conto che avevano dato fuoco alla nostra casa. Ci siamo seduti nella stanza bunker senza elettricità, senza luce e senza aria. Emma ha iniziato a tossire, e poi Emilia ha urlato: “Non riesco a respirare!”. Abbiamo sentito degli spari fuori, gente che urlava” ha spiegato la donna.
    “Ho aperto gli occhi e ho visto terroristi con i fucili. Ci hanno tirato fuori e ci hanno aiutato a uscire, dopo averci afferrato le mani, assieme ai terroristi, abbiamo iniziato a camminare. Improvvisamente, ho guardato a sinistra, e Sharon non c’era. Ci hanno separati. Ho guardato di lato, ho visto tutte le nostre auto bruciate”, ha ricordato Aloni.
    Ha aggiunto: “Ci hanno circondato e non avevo idea di cosa stesse succedendo; ci uccideranno? Ci violenteranno? Ci rapiranno? Ci hanno caricato su un veicolo e ci hanno condotto a Gaza”. Ricordi terribili che la donna ha avuto la forza di raccontare affinché il mondo sappia che terribile pogrom sia stato compiuto il 7 ottobre per mano di Hamas. “Un terrorista ha puntato una pistola contro mia figlia, imponendomi di starmene seduta. Non potevo proteggere mio figlio, un bambino di tre anni. Ricordo poi di aver visto i terroristi andare sotto terra usando una scala. Mi hanno poi spogliato dei miei gioielli, ed è così che inizia il nostro viaggio di 49 giorni. Io ed Emilia eravamo sole. Emilia era sotto shock. Abbiamo camminato per molto tempo, forse ore. Un viaggio terribile, in cui vedevamo corpi feriti in mezzo alla strada. Ci hanno condotto poi in un appartamento buio”.
    Più tardi, Aloni e sua figlia sono state spostate in un altro nascondiglio. Eravamo nella stanza centrale, e c’era una guardia seduta all’ingresso tutto quanto il giorno. Dovevamo chiedere il permesso per ogni cosa. Mi fidavo dell’IDF, sapevo che ci avrebbe salvato”.
    Aloni ha spiegato che è stata sua figlia ad aiutarla in cattività, dandole speranza. “Aveva bisogno di cure, di conforto. Quando Emilia andava a dormire, piangevo. La rassicuravo che saremmo andate via presto, anche se non pensavo che avremmo davvero visto la luce del giorno. Una volta nei tunnel, ho avuto un grave attacco di panico. Yarden Bibas mi ha tenuto la mano e Adina di Nir Oz ha respirato piano con me” ha raccontato la donna.
    Tre giorni prima di essere rilasciato dalla prigionia di Hamas, uno dei terroristi si è avvicinato alla donna e le ha detto: “Sarai rilasciata con la bambina quando il cessate il fuoco entrerà in vigore”.
    “Il giorno in cui siamo stati rilasciati, ci hanno detto: ‘Alzatevi e portate fuori i materassi’. Abbiamo camminato nel tunnel fino all’uscita vicino al pozzo. Il nostro processo di rilascio è stato molto complicato, ci hanno portato fuori con gli occhi bendati in qualche cortile esterno, e da lì in un’auto”.
    “Anche se siamo libere oggi, mia figlia in posti che non conosce, chiede sempre: Ci sono persone cattive qui?” ha concluso la donna.

    CONDIVIDI SU: