Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Yom Hazikaron: Israele commemora in silenzio i 24.213 soldati caduti

    Mentre
    le sirene suonano nello Stato Ebraico, a Gerusalemme, nel luogo più sacro di tutta Israele ha
    avuto luogo questa sera la cerimonia di commemorazione di Yom Hazikaron.  Il
    capo militare e tenente generale Herzi Halevi ha aperto la cerimonia dicendo
    che spera che la controversia sulla revisione giudiziaria rimanga al di fuori
    dei cimiteri militari. “Saremo nei cimiteri al fianco delle famiglie in
    lutto. Spero che in questo giorno rimarremo fedeli alla nostra eredità e
    ci dedicheremo esclusivamente alla solitudine e al ricordo dei
    caduti. Soprattutto, e al di là di ogni controversia” ha detto
    Halevi. “La polemica è forse il regalo più bello che il popolo ebraico ha fatto
    all’umanità. Il popolo di Israele porta con sé Hillel e Shammai da circa
    2000 anni”, dice Halevi, riferendosi a due scuole di pensiero ebraico. “Nella
    Ghemara, si dice che sebbene Beit Shammai e Beit Hillel fossero divisi, non si
    trattennero dallo “sposarsi”. Per insegnarvi che occorrono affetto e profonda
    amicizia per adempiere il detto: “Verità e pace amate”.

    Il
    Presidente israeliano Isaac Herzog ha invece invitato gli israeliani ad
    ascoltare le sirene per ricordare i caduti paese in un momento di
    “discordia” nazionale. Parlando durante la cerimonia al Muro
    Occidentale ha detto: “Mi chiedo, ci chiedo: quale altro paese al mondo ha un
    suono così speciale? È il suono del dolore e della speranza, del dolore e
    dell’orgoglio. È il suono dello Stato di Israele. Un suono che ci invita a
    fermarci un attimo, a rinchiuderci nella santità, a ricordare e a connetterci –
    insieme. Quest’anno, nella morsa di questi giorni di discordia, questo
    suono è più potente, più bruciante, più addolorato e più doloroso che mai” ha
    detto Herzog. “Faccio appello a voi, miei fratelli e sorelle, cittadini di
    Israele, in questo momento sacro, da qui, il muro del desiderio e delle
    lacrime, da cui la Divina Presenza non si è mai mossa, e ci chiedo di piangere
    e addolorarci – insieme; possiamo lasciare che quella sensazione di
    desiderio ci avvolga – insieme. Possiamo lasciare che quel suono del
    nostro dolore collettivo risuoni forte in questo Memorial Day, libero dalla
    discordia, mentre piangiamo per i nostri figli e figlie” ha concluso Herzog.

    Sono
    cinquantanove i soldati che sono stati uccisi durante il loro servizio militare
    dall’ultimo Yom Hazikaron, secondo i dati diffusi venerdì dal ministero della
    Difesa. Altri 86 veterani disabili sono morti a causa di complicazioni
    dovute alle ferite riportate durante il loro servizio. I numeri hanno portato
    il totale a 24.213 caduti durante il servizio nel Paese dal 1860. Sono invece
    4.255 le vittime del terrorismo uccise. Le cerimonie nazionali per il Memorial
    Day di Israele, che inizia al tramonto, sono iniziate nel pomeriggio con un
    evento di commemorazione presso il memoriale di Yad Labanim per i soldati
    caduti a Gerusalemme.  La sirena ha ufficialmente segnato l’inizio della
    principale cerimonia nazionale, davanti al Muro del Pianto. Una seconda sirena
    di due minuti suonerà alle 11 di domani, dando inizio alle cerimonie di
    commemorazione diurne per i soldati caduti, che si svolgeranno sul Monte Herzl
    di Gerusalemme. Alle 13 si terrà invece una cerimonia di commemorazione delle
    vittime del terrorismo.

    CONDIVIDI SU: