Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “EastMed è una grande opportunità per l’Italia”. Il Ministro per lo Sviluppo Economico Giorgetti in visita in Israele

    Si è conclusa lunedì sera la visita istituzionale in Israele del Ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti. Tra il 24 e il 25 il responsabile del MISE ha discusso con la responsabile dell’energia Karine Elharr e con la ministra dell’economia Orna Barbivai di una futura collaborazione tra lo Stato italiano e quello ebraico in diversi campi. Tra le questioni più importanti toccate da Giorgetti, quella del gasdotto ‘EastMed‘.


    Il gasdotto è stato definito dal ministro “una grande opportunità per l’Italia”. Con queste parole viene rilanciato così il progetto che porterebbe in Italia, e quindi in Europa, il gas israeliano.


    “Occorre cominciare a valutare questo tipo di collaborazione perché dobbiamo immaginare un futuro decarbonizzato, e quindi pulito. Ma anche in qualche modo strategicamente sicuro con Paesi fornitori affidabili”. EastMed – ha proseguito – “è stato molto discusso e poi accantonato. Ma potrebbe riprendere vigore se la pipeline che unisce Israele all’Italia, e quindi alla Ue, fosse disponibile per trasportare non solo gas ma anche idrogeno verde”. 


    “Bisogna coltivare queste relazioni, perché nel momento in cui abbiamo scoperto quanto siamo vulnerabili sotto il punto di vista energetico da cui dipende in buona sostanza anche la nostra libertà, – ha sottolineato – quante più fonti energetiche alternative sono disponibili e quante più sono le nazioni fornitrici, tanto meglio è. E Israele è un interlocutore naturale e congeniale per l’Italia”. 


    “Abbiamo scambiato idee ed esperienze perché il Mise diventi davvero il reparto nascite delle nuove imprese. Osmosi, sistema, conoscenza, intraprendenza e coraggio per creare un ambiente favorevole per le aziende”. Lo ha affermato in un tweet il ministro Giorgetti. Per fare ciò ha concordato con la ministra dell’economia Orna Barbivai “una road map puntuale e necessaria per il futuro dei due Paesi”. La collaborazione tra Italia e Israele – ha spiegato nell’incontro con la stampa italiana – “punta sull’innovazione e il futuro dell’economia. 

    “Qui in Israele hanno trovato una formula di successo puntando sullo spirito imprenditoriale, sulla voglia di fare, sul rischio accompagnato anche da interventi pubblici” ha affermato il Ministro. 

    Barbivai e Giorgetti si sono dati appuntamento nelle prossime settimane per definire questa strategia comune di sviluppo e crescita nei rispettivi campi di competenza.


    Un ulteriore passaggio importante della missione in Israele è stato l’incontro con Avi Strum, vicepresidente di ‘TowerSemiconductor’, con il quale è stata concordata un’alleanza con l’azienda italiana ‘Stm’ ed Intel. Ciò servirà “per lo sviluppo della produzione di semiconduttori per l’Italia. Il governo farà la sua parte” ha scritto in un tweet il ministro Giorgetti.


    CONDIVIDI SU: