Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “Ricordiamo insieme VII edizione 2019” all’ex collegio militare di Roma

    Si è tenuta ieri, 23 ottobre 2019, la VII edizione di “Ricordiamo insieme”, cerimonia di commemorazione del 76° anniversario della deportazione dei cittadini romani ebrei, presso il Centro Alti Studi per la Difesa in Palazzo Salviati a Roma.

     La manifestazione è iniziata con “Quanta memoria ancora?”, un toccante video dove venivano ricordati tutti i deportati del 16 ottobre 1943. A seguire numerosi interventi come quello di Massimo Finzi, assessore alla memoria della CER (Comunità Ebraica di Roma)  che ha ricordato “il frutto avvelenato di un clima fatto di calunnie, di accuse false, ad iniziare da quella del deicidio, che hanno generato nell’arco di circa due millenni un clima generale ostile all’ebraismo”.

    Ad accompagnare ogni intervento è stato presente il coro della Diocesi di Roma diretto dal Maestro Mons. Marco Frisina e il coro degli alunni delle Scuole della Comunità Ebraica di Roma dirette dal Maestro Josef Anticoli.

     Il Generale S.A. Fernando Giancotti, nel suo discorso, ha affermato che l’ex collegio romano dove adesso ha sede il CASD appartiene a tutti in quanto lì risiede la memoria collettiva di ciò che è stato per molti ebrei romani.

     Sami Modiano è stato presente alla cerimonia e ha raccontato la sua testimonianza a Birkenau, rispondendo alle molte domande dei ragazzi venuti in rappresentanza dei loro rispettivi istituti scolastici.

     L’evento è stato organizzato dall’associazione “Ricordiamo Insieme” composta da Sara, Rivka e Grazia Spizzichino e Tobias e Federica Wallbrecher. Proprio Tobias, nei saluti iniziali, ha voluto porgere omaggio ai parenti delle molte persone che tra il 16 e il 18 ottobre 1943 hanno stazionato all’interno di Palazzo Salviati in attesa di essere brutalmente deportati nei Campi di Sterminio.

    CONDIVIDI SU: