Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Chef sardo malato di Sla minacciato di morte sui social per decisione curarsi in Israele

    “E’
    inutile che ti dai da fare, tanto in Israele non ci arrivi” oppure
    “Tanto muori come morirà mio padre”. Sono alcuni dei macabri messaggi
    rivolti sui social a Paolo Palumbo, il giovane chef oristanese malato di Sla che
    da settimane sta conducendo una battaglia per ottenere la terapia sperimentale
    Brainstorm adottata negli Usa e in Israele. La denuncia arriva dal fratello su
    Facebook: “Abbiamo saputo che ci sono delle chat private in cui dei
    gruppi  di persone si divertono ad
    insultare l’operato di Paolo e si 
    mettono d’accordo per trovare il modo di demolire agli occhi degli altri
    ogni sua azione. E’ giusto che questa gente sappia che ogni atto diffamatorio
    documentato avrà le conseguenze che merita, perché la legge è uguale per tutti
    e la cattiveria gratuita ai danni di un giovane nelle sue condizioni non può essere
    giustificata”.

    “Non
    pubblicheremo i loro nomi di costoro come invece stanno facendo loro con noi,
    sabotando una campagna di raccolta fondi che si e’ sempre basata sulla
    trasparenza e con un  obiettivo nobile:
    sarebbe vergognoso”, aggiunge il fratello di Paolo, a 21 anni il malato di
    sla piu’ giovane d’Europa che punta a raccogliere 900 mila euro per affrontare
    le spese necessaria a sottoporsi alla terapia sperimentale ‘Brainstorm’ nell’ospedale
    di Hadassa. “L’obiettivo di Paolo, fin dall’inizio del suo sciopero della
    fame”, spiega il fratello, 
    ricordando la protesta che ha portato il ragazzo alla ribalta nazionale,
    “e’ sempre stato quello di portare questa terapia  sperimentale in Italia, affinche’ per lo meno
    i suoi costi si  dimezzino. Infatti, e’
    grazie a lui se e’ attualmente in discussione l’attuazione del protocollo
    d’urgenza da parte del ministero della salute per portare la terapia nel nostro
    paese  in tempi brevi”.

    CONDIVIDI SU: