Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Cinquant’anni dalla strage di Fiumicino: l’attentato che segnò l’inizio del cosiddetto “Lodo Moro”

    Era la mattina del 17 dicembre 1973, esattamente 50
    anni fa, quando un commando di terroristi palestinesi composto da cinque
    persone mise a ferro e fuoco l’aeroporto di Fiumicino. Vennero uccise 32
    persone, di cui 6 italiani; un jet venne distrutto e un altro sequestrato. I
    cinque fedayn furono rilasciati dopo pochi mesi. Non fu avviato alcun processo,
    e non si conoscono né gli esecutori né i mandanti.

    La scelta di questo giorno, ossia il 17 dicembre,
    non fu casuale. Infatti, per quella data, era stato fissato l’inizio del
    processo contro tre terroristi palestinesi coinvolti nel fallito attentato di
    Ostia del 14 gennaio 1973. Il gruppo terroristico giunse a Roma tramite un volo
    proveniente da Madrid, trasportando un carico di armi e bombe. Iniziarono a sparare
    nel terminal, prendendo in ostaggio diversi agenti, uno dei quali rimase
    ferito. Un’ondata di panico si diffuse tra turisti e personale dell’aeroporto.
    Successivamente, i terroristi arrivarono sulle piste. Il giovane finanziere
    Antonio Zara, armato di pistola, si oppose con coraggio, ma venne ucciso,
    colpito da una raffica di mitra. L’immagine del suo corpo a terra, immortalata
    da Elio Vergani, vinse il premio Pulitzer. Tre fedayn si diressero verso un
    aereo della Pan Am, in attesa di decollare per Teheran, e lanciarono tre
    granate nella fusoliera. Nel rogo persero la vita trenta persone, tra cui una
    bambina di nove anni di nome Monica De Angelis, insieme ai suoi genitori, tre
    sottosegretari del governo marocchino e diversi turisti americani. Successivamente
    salirono su un aereo della Lufthansa, che venne dirottato. Atterrò prima ad
    Atene, successivamente a Damasco e infine in Kuwait. Lì il commando si arrese e
    venne rinchiuso in una base militare. Dopo pochi mesi vennero rilasciati.

    Quanto avvenne fu il più feroce attentato del
    terrorismo internazionale nel nostro Paese, nonché l’inizio del cosiddetto
    “Lodo Moro”, l’accordo che il governo italiano strinse con l’Olp e
    con altre sigle palestinesi. Questo permetteva ai terroristi la libertà di movimento
    lungo la Penisola, purché non colpissero obiettivi italiani. Un patto che però
    non teneva conto degli ebrei, come emerse tristemente di lì a breve, con
    l’attentato di matrice palestinese del 9 ottobre 1982 al Tempio Maggiore di
    Roma dove perse la vita Stefano Gaj Taché e altre 40 persone rimasero ferite.

    CONDIVIDI SU: