Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Commento alla Torà. Parashà di Mishpatìm: Halakhà, probabilità e questioni dubbie

    La Torà istruisce i giudici dei tribunali (batè din) che le decisioni vanno prese a maggioranza. Nella parashà è scritto: “Non seguire una
    semplice maggioranza nelle sentenze punitive; e quando vi sono differenze di
    opinione non bisogna votare in modo che [un giudice] vada contro la propria
    opinione, per il fatto che i verdetti seguono sempre la maggioranza” (Shemòt, 23:2). Così traduce questo
    versetto R. Shimshon Refael Hirsch (Amburgo,
    1808-1888, Francoforte) che chiarisce il testo facendo uso della tradizione
    orale. Nel trattato Sanhedrin (2a) è
    infatti insegnato che quando un imputato è accusato di un crimine per il quale
    la sentenza può essere la pena capitale, una semplice maggioranza non è
    sufficiente. I batè din per questi
    casi (oltre duemila anni fa quando, anche se assai raramente, poteva essere
    comminata la pena capitale) dovevano essere composti da ventitré dayanìm (giudici): per assolvere
    bastava la maggioranza di uno, dodici contro undici; per condannare era invece
    necessaria una maggioranza di almeno due giudici. Da questo versetto si impara
    anche che una volta che la decisione è stata presa l’opinione di minoranza è
    totalmente “assorbita” in quella della maggioranza e diventa la decisione
    unanime del bet din.

                    Da questa parashà si impara anche che il principio
    della maggioranza si applica anche in questioni di halakhà. Così affermano in modo esplicito i maestri nel Talmud
    babilonese (trattato Chullìn, 11a e
    11b). Un caso classico che appare varie volte nel Talmud è quello di una
    “maggioranza definita” (rubà de-ità kamàn).
    L’esempio dato è il seguente: in una città vi sono
    dieci macellai, nove vendono carne kasher e uno carne non kasher. Se si trova
    della carne nel dominio pubblico la carne viene dichiarata kasher perché la
    maggioranza dei macellai vendono carne kasher. Il principio espresso dai
    maestri è che: “Tutto quello che esce da un gruppo misto, si presume che venga
    dalla maggioranza” (kol de-parish me-rubà
    parish, Ketubbòt, 15a) ed ha lo
    stato legale della maggioranza.

                    R. Joseph Beer Soloveitchik (Belarus, 1903-1993, Boston) in Mesoras Harav (Shemòt, p. 207) scrive: “La legge in situazioni di una “maggioranza
    definita” viene applicata a un gruppo il cui numero è controllabile, dove è
    logicamente possibile condurre un’indagine dalla quale si possono trarre
    risultati quantificabili. Il caso delle macellerie è tipico di questo tipo di
    maggioranza. I maestri del Talmud discutono anche su come prendere decisioni
    nei casi di una “maggioranza non definita” (rubà
    de-letà kamàn). In questi casi R. Soloveitchik afferma: “La legge in
    situazioni di una “maggioranza non definita” si riferisce a un rapporto (ratio)
    che non è controllabile e non può essere espresso in modo concreto. Per
    esempio, la massima che la maggioranza degli uomini non sono sterili e che la
    maggioranza degli animali non sono malati, esprime una caratteristica generale
    della maggioranza che non è limitata a un gruppo particolare che si trova in un
    certo luogo in un certo momento […]. In entrambi i casi la halakhà non ha mai considerato il
    principio della maggioranza come criterio di certezza. Dal punto di vista della
    logica e della matematica la maggioranza indica solo una superiore probabilità
    di successo. La formula della probabilità, […] vale sia per la maggioranza
    definita che per quella non definita”. 

                    R. Soloveitchik
    aggiunge che considerare normale il comportamento della maggioranza e porre
    l’enfasi su una maggioranza non definita sono conclusioni soggettive che derivano
    dall’esperienza. Nella halakhà il
    principio della maggioranza viene usato per risolvere situazioni nelle quale ci
    si trova nel dubbio e quando non vi sono altri strumenti per decidere, come
    chiare prove. Alla luce di questa analisi, possiamo capire perché i maestri
    gradualmente ridussero l’uso del principio della maggioranza e lo limitarono
    quasi esclusivamente nelle questioni rituali, come per esempio la kasherùt, dove la halakhà
    determina lo stato di un evento sulla base della probabilità.
    Tuttavia nella legge civile e criminale il principio della maggioranza è
    generalmente considerato inadeguato perché è impossibile decidere in questioni
    che hanno effetto sul destino umano usando uno strumento legale come la
    probabilità. 

    CONDIVIDI SU: