Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Edda Ciano, la figlia del duce. Oggi su Rai3 e Rai Storia

    I fascisti la chiamavano eccellenza,  “l’eminenza grigia” del regime, ma Edda Ciano Mussolini, non e’ che la figlia del Duce, senza marchi ufficiali che non siano  quelli dell’uniforme da crocerossina. Un personaggio che il  professor Francesco Perfetti e Paolo Mieli raccontano a  “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda giovedi’ 5 settembre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Edda nasce a Forli’ il primo settembre 1910 ed e’  registrata all’anagrafe con l’indicazione di “N.N.” al posto  del nome materno. Edda non e’ una bimba qualunque, ma la figlia di Benito Mussolini, definita dalle cronache dell’epoca un  “maschiaccio ribelle”. Edda e’ una fascista convinta, una madre  severa e la moglie del ministro degli Esteri: Galeazzo Ciano,  il delfino di suo padre. A Galeazzo e’ legata da una sorta di  sodalizio per la vita, che la indurra’ a difenderlo contro  tutti fino alla fine. Il 25 luglio 1943, Ciano insieme ad altri  gerarchi, aderisce all’ordine del Giorno Grandi, che approvato  dal Gran Consiglio del Fascismo, vede la fine di Mussolini,  un’azione che gli costera’ l’accusa di alto tradimento e che  segnera’ l’inizio del dramma personale di Edda. Caduto il  fascismo Ciano e’ arrestato, rispedito in Italia e incarcerato  nella prigione degli Scalzi a Verona. Edda cerca invano di  salvargli la vita. Fascista fino alla fine dei suoi giorni,  condurra’ una vita riservata fino alla morte, a Roma, il 9  aprile del 1995.

    CONDIVIDI SU: