Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Fascismo: Comune Sarno revoca cittadinanza onoraria a Mussolini

    Ad aprile scorso l’approvazione in Giunta; ora, arriva la ratifica in Consiglio comunale. Benito Mussolini non e’ piu’ cittadino onorario di Sarno, nel Salernitano. Su proposta della maggioranza di centrosinistra, con sedici voti favorevoli, quattro contrari e un astenuto, l’assise cittadina revoca l’omaggio al Duce. Nell’aula consiliare era presente anche anche una delegazione dell’Anpi che, al termine della votazione, ha intonato “Bella Ciao”. La decisione e’ arrivata dopo mesi di dibattito, ma era stata approvata gia’ dalla Giunta comunale alla vigilia della festa della Liberazione del 25 aprile scorso. Tra le motivazioni che hanno spinto il Comune di Sarno a revocare quell’onorificenza, l’incompatibilita’ “con i valori di cui il Comune di Sarno e la sua comunita’ sono oggi portatori” e il pensiero secondo cui “il giudizio unanime su Mussolini e’ talmente negativo che appare necessaria e non piu’ rinviabile la revoca della cittadinanza onoraria allo stesso”. “Abbiamo votato un atto di liberta’”, sottolinea il sindaco, Giuseppe Canfora, spiegando che “Sarno e’ una citta’ democratica, e’ la citta’ di Giovanni Amendola”. “Abbiamo votato questa revoca anche per chi, nel 1923, non si poteva opporre. I documenti cartacei restano, sono parte della storia di questa citta’”, aggiunge. A chi sostiene che si e’ voluto “cancellare la storia”, Canfora risponde che non e’ cosi’, ” costruiamo il presente e il fu

    CONDIVIDI SU: