Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Giorgia Meloni abiura il fascismo: è l’inizio di una svolta?

    Alla fine, le parole attese sono state dette forti e chiare da Giorgia Meloni. In un video in inglese, francese e spagnolo, la leader di Fratelli d’Italia assicura che non c’è nessun pericolo di autoritarismo qualora il paese consegnasse la vittoria al centrodestra. “Salve a tutti, sono Giorgia Meloni, ho 45 anni e sono la Presidente di Fratelli d’Italia, il partito politico dei conservatori italiani – dice Giorgia Meloni nel video -da giorni, leggo articoli della stampa internazionale sulle prossime elezioni che daranno un nuovo governo all’Italia, nei quali vengo descritta come un pericolo per la democrazia, per la stabilità italiana, europea e internazionale. Ho letto che la vittoria di Fratelli d’Italia alle elezioni di settembre comporterebbe un disastro, che porterebbe a una svolta autoritaria, all’uscita dell’Italia dall’Euro e altre sciocchezze di questo genere. Niente di tutto ciò è vero. La Destra italiana ha consegnato il fascismo alla storia ormai da decenni, condannando senza ambiguità la privazione della democrazia e le infami leggi anti-ebraiche. E senza ambiguità è ovviamente anche la nostra condanna del nazismo e del comunismo, l’unica delle ideologie totalitarie del XX secolo che è ancora al potere in alcune nazioni, sopravvivendo ai suoi tragici fallimenti, che la sinistra fatica a condannare, forse anche perché dall’Unione Sovietica ha ricevuto per decenni generosi finanziamenti”. Meloni poi spiega che dialoga con i partiti conservatori di tutto il mondo, incluso il Likud in Israele. Anche stamattina, la leader di Fratelli d’Italia ribadisce che “le famose parole chiare sono almeno vent’anni che le dico”. 

    Plaude alla dichiarazione il leader di azione Carlo Calenda. “Sono stato l’unico leader politico a salutare con gioia la dichiarazione della Meloni” sul fascismo e le leggi razziali. Ha fatto una dichiarazione chiara e netta, è stata molto chiara e gliene rendo atto”. Dubbi invece da parte del pd per la presenza della fiamma tricolore nel simbolo. “Davvero la Meloni vuole consegnare il fascismo alla storia, come ha annunciato ieri? – scrive su twitter Andrea Romano, deputato dem -Ha un’occasione d’oro per dimostrarlo. Domani si presentano i simboli elettorali: faccia togliere dal simbolo di Fratelli d’Italia la fiamma del Movimento sociale italiano. Perché quella fiamma, come Giorgia Meloni sa perfettamente, è da sempre un riferimento esplicito alla fiammella che arde sulla tomba di Benito Mussolini e per questo è il principale simbolo del neofascismo italiano”. 

    Ci auguriamo che questo sia il prossimo passo che la destra intraprenderà, come anche la denuncia dei movimenti neofascisti. La svolta è iniziata, adesso bisogna continuare il cammino verso il ripudio totale del Ventennio allontanandosi da chi ancora professa il fascismo. 


    CONDIVIDI SU: