Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Giornata Memoria. Il discorso del presidente Mattarella: “l’antisemitismo un virus micidiale pronto a risvegliarsi”

    Sono passati settantaquattro anni dalla
    liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. Eppure, nonostante il tanto
    tempo trascorso, l’orrore indicibile che si spalancò davanti agli occhi dei
    testimoni è tuttora presente davanti a noi, con il suo terribile impatto. Ci
    interroga e ci sgomenta ancora oggi. Perché Auschwitz non è soltanto lo sbocco
    inesorabile di un’ideologia folle e criminale e di un sistema di governo a essa
    ispirato.

    Auschwitz,
    evento drammaticamente reale, rimane, oltre la storia e il suo tempo, simbolo
    del male assoluto.

    Quel
    male che alberga nascosto, come un virus micidiale, nei bassifondi della
    società, nelle pieghe occulte di ideologie, nel buio accecante degli stereotipi
    e dei pregiudizi. Pronto a risvegliarsi, a colpire, a contagiare, appena se ne
    ripresentino le condizioni.

    Una
    società senza diversi: ecco, in sintesi estrema, il mito fondante e l’obiettivo
    perseguito dai nazisti. Diversi, innanzitutto, gli ebrei. Colpevoli e
    condannati come popolo, come gruppo, come “razza” a parte.

    Gli
    ebrei. Portatori di una cultura antichissima, base della civiltà europea,
    vittime da sempre di pregiudizi e di discriminazioni, agli occhi dei nazisti
    diventano il problema, il nemico numero uno, l’ostacolo principale da
    rimuovere, con la violenza, per realizzare una società perfetta, a misura della
    loro farneticazione.

    Ma
    quando il benessere dei popoli o gli interessi delle maggioranze, si fanno coincidere
    con la negazione del diverso – dimenticando che ciascuna persona è diversa da
    ogni altra – la storia spalanca le porte alle più immani tragedie.

    Gli
    ebrei erano bollati con il marchio, infamante, della diversità razziale.
    Dipinti con tratti grotteschi, con una tale distorsione della realtà da
    sfociare nel ridicolo, se non si fosse tradotta in tragedia.

    La
    furia nazista si accanì con micidiale e sistematica efficienza anche contro
    altre categorie di “diversi”: i dissidenti, gli oppositori, i disabili, i
    malati di mente, gli omosessuali, i testimoni di Geova, i rom e i sinti, gli
    slavi.

    Nell’ordine
    nuovo, vagheggiato da Hitler, non c’era posto per la diversità, la tolleranza,
    l’accettazione, il dialogo. La macchina della propaganda, becera quanto efficace,
    si era messa in moto a tutti i livelli per fabbricare minacce improbabili e
    nemici inesistenti.

    Dove
    la propaganda non bastava, arrivavano il terrore e la violenza.

    La
    ragionevolezza e l’intelligenza umana furono oscurate, fino al punto di non
    ritorno, dalla nebbia fitta dell’ideologia e dell’odio razziale.

    Per
    gettare il marchio di infamia sugli ebrei furono utilizzati tutti i mezzi di
    indottrinamento allora a disposizione: giornali, radio, cinema, manifesti,
    libri per bambini, trattati pseudo scientifici, vignette.

    Per
    sterminarli si fece ricorso agli strumenti tecnici più avanzati e alle più
    aggiornate teorie d’organizzazione burocratica e industriale. L’eliminazione
    del “diverso”, del sub-umano, come prodotto finale delle fabbriche della morte.

    Come
    ha acutamente notato Bauman, con un paradosso apparente, la modernità
    tecnologica e scientifica del tempo era piegata spregiudicatamente al servizio
    di una ideologia antimoderna, barbara e regressiva.

    Le
    persecuzioni naziste si iscrivevano in un progetto di società basato sul
    predominio dei popoli cosiddetti forti e puri sui popoli deboli, su un
    nazionalismo esasperato nemico della convivenza, sulla guerra come fonte di rigenerazione
    e di grandezza, su un imperialismo alimentato da delirio di onnipotenza, sulla
    sottomissione dell’individuo allo Stato, sulla negazione della libertà di
    coscienza, sulla repressione feroce di ogni forma di dissenso.

    Tutto
    quel che la nostra Costituzione ha voluto consapevolmente bandire e contrastare
    – segnando un discrimine tra l’umanità e la barbarie – con il riconoscimento di
    eguali diritti e dignità ad ogni persona e con l’obiettivo e il metodo della
    cooperazione internazionale per una convivenza pacifica tra i popoli e gli
    Stati.

    Ho
    trovato di grande interesse il tema scelto quest’anno per il Giorno della
    Memoria, scandagliando in profondità la terribile condizione femminile
    all’interno dei campi di sterminio. Di quelle donne umiliate e violate, nel
    fisico e nell’animo, di quelle madri, che con l’ultima forza residua, hanno
    abbracciato e rincuorato fino all’ultimo istante i loro piccoli, nel buio
    tremendo delle camere a gas.

    Ringrazio
    Francesca Fialdini – che ha condotto così bene questo incontro – , il Ministro
    Bussetti, la presidente Di Segni, la professoressa Santerini, per i loro
    efficaci interventi. Edith Bruck per la sua lucida, coraggiosa – e terribile –
    testimonianza, di cui dobbiamo serbare memoria, nel cuore e nella mente.
    Ringrazio Isabella Ragonese, Federica Fracassi, Cristina Zavalloni e il Maestro
    Francesco Lotoro, perché anche l’arte, insieme alla storia, alla sociologia,
    alla filosofia, alla psicologia, è un modo per avvicinarsi a
    quell’inestricabile groviglio di eventi, sofferenze, paure, atrocità che fu la
    Shoah.

    Ringrazio
    le studentesse, Federica e Giulia, per la loro testimonianza.

    Rivolgo
    un saluto particolare, con affetto, ai sopravvissuti che, oggi, hanno voluto
    essere qui tra noi: Peppino Gagliardi, Sami Modiano, Selma Modiano, Gilberto
    Salmoni e Piero Terracina.

    Una
    sola considerazione sul tema delle donne nella Shoah: le ideologie totalitarie
    hanno sempre considerato le donne come esseri inferiori. E così come la donna
    ariana, nella follia nazista, era ridotta a mero strumento per la riproduzione
    di nuovi ariani, la donna ebrea portava la colpa ulteriore di aver generato la
    progenie di una razza ritenuta diversa.

    Anche
    per questo va sempre ricordato che non può esistere democrazia e libertà
    autentica nei Paesi in cui, ancora, si continua a negare pienezza dei diritti e
    pari opportunità per ogni donna.

    Il
    Giorno della Memoria non è soltanto una ricorrenza, in cui si medita sopra una
    delle più grandi tragedie della storia, ma è un invito, costante e stringente,
    all’impegno e alla vigilanza.

    In
    Italia e nel mondo sono in aumento gli atti di antisemitismo e di razzismo,
    ispirati a vecchie dottrine e a nuove e perverse ideologie. Si tratta, è vero,
    di minoranze. Ma sono minoranze sempre più allo scoperto, che sfruttano con
    astuzia i moderni mezzi di comunicazione, che si insinuano velenosamente negli
    stadi, nelle scuole, nelle situazioni di disagio.

    La
    riproposizione di simboli, di linguaggi, di riferimenti pseudo culturali, di
    vecchi e screditati falsi documenti, basati su ridicole teorie cospirazioniste,
    sono tutti segni di un passato che non deve in alcuna forma tornare e
    richiedono la nostra più ferma e decisa reazione.

    Noi
    Italiani, che abbiamo vissuto l’onta incancellabile delle leggi razziali
    fasciste e della conseguente persecuzione degli ebrei, abbiamo un dovere
    morale. Verso la storia e verso l’umanità intera. Il dovere di ricordare,
    innanzitutto, Ma, soprattutto di combattere, senza remore e senza opportunismi,
    ogni focolaio di odio, di antisemitismo, di razzismo, di negazionismo, ovunque
    esso si annidi. E di rifiutare, come ammonisce spesso la senatrice Liliana
    Segre, l’indifferenza: un male tra i peggiori.

    Auschwitz,
    il più grande e più letale dei campi di sterminio – con le sue grida, il suo
    sangue, il suo fumo acre, i suoi pianti e la sua disperazione, la brutalità dei
    carnefici – è stato spesso, e comprensibilmente, definito come l’inferno sulla
    terra. Ma fu, di questo inferno, solo l’ultimo girone, il più brutale e
    perverso.

    Un
    sistema infernale che ha potuto distruggere milioni di vite umane innocenti nel
    cuore della civiltà europea, soltanto perché, accanto al nefando pilastro
    dell’odio, era cresciuto quello dell’indifferenza.

    CONDIVIDI SU: