Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Guardia Finanza sequestra 14 tonnellate di "droga dell’Isis"

    Quattordici tonnellate di amfetamine, circa 84 milioni di pasticche con il logo ‘Captagon’, nota come “la droga dell’Isis” o “la droga della Jihad“. E’ il piu’ grande sequestro a livello mondiale di questo tipo di sostanze quello messo a segno nel porto di Salerno dal Gico (Gruppo investigazione criminalita’ organizzata) della Guardia di finanza di Napoli in esecuzione di un decreto di perquisizione emesso dalla procura di Napoli – Direzione distrettuale antimafia al termine di lunghe e complesse indagini su un’organizzazione con proiezioni internazionali. La droga – per un valore di mercato di oltre un miliardo di euro – era nascosta in cilindri di carta per uso industriale all’interno di tre container contenenti anche macchinari. Come noto, l’Isis finanzia le proprie attivita’ anche e soprattutto con il traffico di droghe sintetiche, prodotte in gran parte in Siria, diventata per questo motivo negli ultimi anni il primo produttore mondiale di amfetamine. 

    Dopo aver tracciato e sequestrato i tre container sospetti in arrivo al porto di Salerno, le fiamme gialle li hanno trasferiti in un luogo attrezzato per procedere all’ispezione con l’ausilio di tecnici specializzati e con la collaborazione della Sezione Antifrode della Agenzia delle Dogane di Salerno. I cilindri, alti 2 metri e del diametro di 140 centimetri – verosimilmente costruiti in Germania – sono stati congegnati in multistrati in grado di celare allo “scanner” il contenuto, riposto negli strati interni, di circa 350 kg di pasticche per ogni cilindro. Il Captagon viene smerciato in tutto il Medio Oriente ed e’ diffuso sia tra i combattenti per inibire paura e dolore sia tra i civili perche’ non fa sentire la fatica. Prodotta inizialmente soprattutto in Libano e diffusa in Arabia Saudita negli anni ’90, questa sostanza stupefacente e’ ricomparsa nei covi dei terroristi – come ad esempio nell’attacco al Bataclan di Parigi nel 2015 – ed e’ percio’ stata soprannominata la “droga dell’Isis” o la “droga della Jihad“. Secondo la Dea (Drug enforcement administration) statunitense, l’Isis ne fa largo uso in tutti i territori su cui esercita l’influenza e ne controlla lo spaccio. 

    Gia’ due settimane fa, sempre nel porto di Salerno, gli specialisti del Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli avevano intercettato un container con un carico di copertura costituito da capi di abbigliamento contraffatti, contenente 2.800 kg di hashish e 190 kg di amfetamine (oltre un milione di pasticche) sempre con il logo Captagon. “E’ verosimile – spiegano gli investigatori – che sia coinvolto un ‘consorzio’ di gruppi criminali, sia per il valore totale delle spedizioni, sia per la distribuzione sui mercati di riferimento (84 milioni di pasticche possono soddisfare un mercato di ampiezza europea). L’ipotesi e’ che durante il lockdown produzione e distribuzione di droghe sintetiche in Europa si siano praticamente fermate e che quindi alla ripresa molti trafficanti, anche in consorzio, si siano rivolti alla Siria, la cui produzione invece non pare aver subito rallentamenti”. Sono tuttora in corso indagini per individuare dei responsabili che potrebbero operare per conto di un ‘cartello’ di clan di camorra in grado di commercializzare le sostanze in ambito internazionale. Il valore delle anfetamine – oltre un miliardo di euro – e’ stato calcolato moltiplicando il numero delle pasticche trovate, 84 milioni, con il costo medio che viene imposto al consumatore finale che si aggira tra 10-15 euro a pasticca. Oltre che in 38 dei 40 rotoloni di carta per uso industriale di produzione tedesca, ciascuno del peso di 350 chilogrammi, trovati nei container, le amfetamine sono state recuperate anche in un carico di ingranaggi per motori industriali. 

    Lo stupefacente potrebbe essere stato acquistato con il metodo delle ‘quote’ versate in una cassa comune a disposizione dei broker da un ‘consorzio’ di gruppi criminali, sia per il valore totale delle spedizioni, sia per la distribuzione sui mercati di riferimento. “Complimenti alla nostra Guardia di Finanza per la maxi-operazione nel porto di Salerno che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di droga destinato a finanziare l’Isis. Un duro colpo al terrorismo internazionale e la dimostrazione che l’Italia mantiene sempre alta la guardia”, scrive in un tweet il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Plauso per l’operazione giunge anche dal viceministro dell’Interno Matteo Mauri (Pd), il quale sottolinea che “si e’ evitato che milioni e milioni di dosi di droga arrivassero in Europa. L’operazione di oggi dimostra come l’Italia sia in prima linea per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti”. Di “duro colpo inferto al terrorismo” parla il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani su Twitter, mentre la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni rileva che “la lotta alla criminalita’ organizzata e al terrorismo islamico deve continuare senza sosta. Non abbassiamo la guardia”. (AGI)

    CONDIVIDI SU: