Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    GUSTO KOSHER 2018: raccontare Israele attraverso i sapori

    Ha preso avvio ieri sera, con un’anteprima culturale e
    culinaria, la grande manifestazione enogastronomica ebraica Gusto Kosher 2018 (promossa
    da Lebonton Catering, con Creativity Lab ICPO e FOOD CONFIDENTIAL) che si
    svilupperà a Roma nell’arco dell’intera settimana.

    Ad accogliere ieri ospiti, esperti del settore e
    giornalisti, gli chef Dario Bascetta Greco, Giovanni Terracina e Guido Boemio
    che hanno proposto una serie di pietanze tutte caratterizzate dalle spezie di Israele,
    in una declinazione tutta kosher, fra cui delicati: cubotti di riso mejadra con
    cipolle caramellate, quenelle di labna e spezie profumate; paccarielli Molisana
    trafilati al bronzo con brodetto di gallinella, peperoni bruciati erbette e
    pistacchi; salmone scottato, chutney di melanzana al cardamomo e crumble di cumino.

    Gli assaggi sono stati l’occasione per presentare il
    fitto programma di attività che prende avvio oggi con la presentazione (alle
    ore 17 presso Startupbootcamp FoodTech Rome in Via Ludovico di Savoia 2B) del
    progetto: Foodtech and food safety from the startup nation. kosher food is
    (also) safe food, che ospiterà Jonathan Sierra, co-founder di Yarok Microbio,
    una delle più promettenti startup foodtech dell’ecosistema israeliano, per
    presentare l’azienda alla sua community.

    “Questa importante manifestazione – ha sottolineato ieri
    l’ambasciatore di Israele in Italia, Ofer Sachs – non è solo l’occasione per
    degustare i sapori israeliani, ma è un modo intelligente per assaggiare un po’ di
    cultura ebraica, rendendo ad esempio familiare cosa significa e cosa è la
    kasheruth. E’ un connubio che spinge a conoscere il cuore di Israele, di
    approfondire la conoscenza e la storia di Israele e di scoprire i tanti
    laboratori e centri di ricerca che guardano al futuro”.

    CONDIVIDI SU: